La Pininfarina Battista da 2.000 CV sarà la hypercar elettrica più connessa al mondo

La Pininfarina Battista da 2.000 CV sarà la hypercar elettrica più connessa al mondo
di

Automobili Pininfarina ha appena annunciato una interessante collaborazione con Deutsche Telecom per i servizi di connessione della sua stratosferica Battista, la quale sarà online in più di 50 Paesi del globo.

Ogni esemplare di Pininfarina Battista godrà quindi di una SIM integrata e della tecnologia roaming per un'affidabilità estesa, almeno per quanto riguarda le aree più urbanizzate. Coi componenti di Deutsche Telecom, con le infrastrutture di rete e col traffico roaming, Automobili Pininfarina afferma con sicurezza che la Battista non soffrirà di aree con assenza di copertura, anche nel caso in cui si passa da un Paese all'altro.

Secondo queste informazioni la hypercar sarà la prima a potersi connettere quasi in tutto il mondo, e tra l'altro vanterà la possibilità (come Tesla) di aggiornamenti over-the-air per tenere la macchina al passo col l'ultima versione del software. In questo senso dobbiamo aspettarci un supporto continuativo, che servirà a gestire e controllare i ben 26 moduli elettronici installati sulla vettura.

Essi gestiscono i sistemi di sicurezza avanzati, il powetrain elettrico, i sistemi inerenti la dinamica generale, i servizi digitali e l'infotainment. I facoltosi proprietari della hypercar potranno scegliere se scaricare gli update via SIM o anche via WiFi nel caso si parcheggi all'interno di un garage coperto dal segnale casalingo.

Molto interessante poi la presenza di un esclusivo concierge digitale, che sarà in grado di eseguire una diagnostica automatica denominata Smart Diagnostics: il computer di bordo monitora il veicolo alla ricerca di inconvenienti che potrebbero sorgere in seguito e, se la problematica non può essere risolta con un aggiornamento, sarà meglio portarlo direttamente agli ingegneri del brand.

Per chi invece non conoscesse il bolide, stiamo parlando di una hypercar da oltre 1.900 cavalli di potenza e 2.300 Nm di coppia erogati da ben quattro unità elettriche separate. La trazione sarà integrale, mentre un generoso pacco batterie garantirà un'autonomia per singola carica di circa 500 chilometri. Il risultato? Uno scatto da 0 a 100 km/h in meno di 2 secondi e una velocità di punta superiore ai 400 km/h.

Per concludere rimandandovi a due elettriche simili alla Battista vi citiamo la Lotus Evija, che sprigiona addirittura 2.000 cavalli di potenza, e la prorompente Rimac C_Two da oltre 1.900 cavalli. Quest'ultima è appena stata acquistata dall'ex Campione del Mondo di Formula 1 Nico Rosberg.

FONTE: carscoops
Quanto è interessante?
1