Pezzi di ricambio, il prezzo è salito del 44% rispetto al 2013

Pezzi di ricambio, il prezzo è salito del 44% rispetto al 2013
di

Andare dal meccanico non è mai un piacere. Ultimamente lo è ancora di meno. Secondo l'associazione tedesca Gesamtverbands der deutschen Versicherungswirtschaft (GDV), che si occupa di assicurazioni, nell'ultimo anno i prezzi dei pezzi di ricambio per autoveicoli sono cresciuti del 6%.

La percentuale diventa grottesca quando si calcola l'aumento rispetto al 2013: ben il 44%. Nei calcoli la GDV ha tenuto conto dell'inflazione. Stiamo parlando di cifre rilevate in Germania, un caso che tuttavia è un campanello d'allarme per tutta l'Europa, Italia inclusa.

Secondo la GDV la causa è dello pseudo monopolio delle case automobilistiche. Sono loro che allineano i prezzi anche quando la componente è prodotta da terze parti. “Non c'è una concorrenza libera e leale in questo mercato”, ha affermato Anja Käfer-Rohrbach di GDV.

Tra i pezzi più pregiati, e con rincari maggiori, ci sono gli sportelli del bagagliaio (con un 60% di aumento rispetto al 2013), e i gruppi ottici posteriori (prezzi cresciuti del 67%). In quest'ultimo caso va detto che la tecnologia ha goduto di una repentina evoluzione con i performanti, ma più costosi, LED. Cari automobilisti, avete notato un aumento dei prezzi negli ultimi anni?

Le Tesla possono addirittura autodiagnosticarsi ed ordinare automaticamente i pezzi di ricambio. Dalle componenti in eccesso delle Aston Martin è nata la Victor, one-off spettacolare da oltre 800 CV.

FONTE: Motor1
Quanto è interessante?
1