Patente moto A, A1 e A2: dal 2 gennaio 2019 i nuovi esami

Patente moto A, A1 e A2: dal 2 gennaio 2019 i nuovi esami
di

Dal 2 gennaio 2019 cambiano gli esami di guida per la patente moto A, A1 e A2, come descritto sulla Gazzetta Ufficiale del 12 ottobre.

La data originaria è dunque stata spostata in avanti, per permettere alle scuole guida d'Italia di adeguare piste e tracciati d'esame, esattamente come richiesto dalla Confarca. I nuovi esami prevedono infatti anche una prova ad "alta velocità", a 50 km/h, per la quale non tutti gli istituti sono pronti.

La modifica agli esami è arrivata in seguito alle richieste europee: l'Unione infatti ha più volte sottolineato, all'inizio di questo 2018, come le prove d'esame italiane per moto e ciclomotori fossero fuori norma, a rischio infrazione. Ora ci si metterà dunque al pari con le altre nazioni europee, la "macchina organizzativa" ha però bisogno dei suoi tempi.

A confermare la nuova data è stata proprio Confarca in una nota: "La nuova metodologia d'esame partirà il 2 gennaio 2019, esaudendo quanto auspicato nell'interesse della categoria e dei candidati, che presumibilmente non subiranno ritardi nell'effettuazione degli esami. Il nuovo percorso di esame introduce l'obbligo del paraschiena almeno di tipo CB (Central Back Protector) per la loro effettuazione. Nei primi mesi dell'anno il nostro Paese è stato avvisato dall'Unione Europea di venire sottoposto a procedura d'infrazione, in quanto gli esami della categoria A non si svolgevano secondo il dettato normativo."

A proposito della categoria A e della nuova prova a 50 km/h è stato poi aggiunto: "Si sono riscontrate notevoli difficoltà soprattutto con la categoria A1, oltre a un elevato livello di pericolosità per la categoria A, e che la stessa prova necessitasse di un dato oggettivo per poter dimostrare il raggiungimento della velocità prevista".

Quanto è interessante?
4

Scopri le migliorie offerte del Black Friday 2018: sconti e promozioni per risparmiare sui tuoi acquisti!