Parla il conducente della Ferrari 360 finita nell'oceano: "Mi ha spinto Gesù"

Parla il conducente della Ferrari 360 finita nell'oceano: 'Mi ha spinto Gesù'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Lo scorso 7 gennaio vi abbiamo raccontato di una Ferrari 360 finita nell'oceano a causa di un incidente - fortunatamente senza vittime o feriti. Oggi abbiamo nuovi sviluppi, con il conducente che ha spiegato il motivo per cui si è lanciato in acqua.

Prima di sprofondare, l'auto avrebbe galleggiato per circa 15 metri, per poi inabissarsi a 10 metri di profondità. Per recuperare il mezzo sono stati scomodati i pompieri di Palm Beach e i sub della Code 3 Divers, non nuovi a imprese simili. Com'è potuto accadere che James Mucciaccio Jr., il conducente della vettura, sia finito in acqua? È stato un banale incidente o c'è di più?

A dircelo è lo stesso protagonista della vicenda, che parlando con la polizia locale avrebbe detto: "È stato Gesù a dirmi di attraversare un piccolo cancello e di sfondare una finestra larga quasi due metri. Nostro signore mi ha reso l'uomo più intelligente della Terra ed è molto difficile avere così tanta responsabilità. In due giorni, i soldi sono diventati irrilevanti per me, ricordate sempre di sorridere".

Frasi apparentemente sconnesse che non hanno convinto molto gli ufficiali, soprattutto dopo la scoperta della targa "fasulla" applicata alla vettura recuperata. La targa era sì intestata a Mucciaccio Jr. ma associata a una Ford Mustang, il che ha fatto subito pensare a una frode assicurativa. Al di là di questo, le parole del protagonista di questa storia fanno pensare a una potenziale schizofrenia, o a un episodio maniacale. Si prevede un lungo periodo di cure.

FONTE: TheDrive
Quanto è interessante?
3