Oppo segue Huawei e Xiaomi: esordio nel settore automotive con veicoli elettrici?

Oppo segue Huawei e Xiaomi: esordio nel settore automotive con veicoli elettrici?
di

In questi primi giorni di maggio si stanno facendo largo sempre più voci riguardo l’esordio nel settore automotive di brand storici in ambito tech e telecomunicazioni. Se giusto ieri abbiamo discusso della volontà di Huawei di acquisire un produttore di auto, oggi è invece la volta di un altro importante nome asiatico: Oppo.

Secondo quanto riportato dai colleghi di Gizchina, infatti, nelle ultime due settimane il CEO Chen Mingyong e il vicepresidente di Oppo Software Engineering Wu Henggang avrebbero incontrato realtà come CATL China Passenger Car Division e China Automotive Research Institute, così da avviare le prime indagini relative al presunto progetto a quattro ruote.

Come anche nel caso di Xiaomi, si tratterebbe di un’automobile elettrica con molteplici funzionalità smart tra cui la guida autonoma, considerata un must per il futuro del mondo automotive. Di quest’ultima si occuperebbe un altro ricercatore di casa Oppo, Guo Yandong, già veterano del settore in quanto prima di questa avventura egli lavorava per Xiaopeng Motors. Risulterebbero, infine, aperte molte altre posizioni per la divisione ricerca e sviluppo nello stesso settore.

Questi sforzi risulterebbero essere solamente preliminari: al momento la casa cinese sembrerebbe interessata solamente a sondare il terreno alla ricerca di intese per la costruzione di automobili. Del resto, questo costituisce il primo passo fondamentale per approdare sul mercato. Trattandosi comunque di indiscrezioni, consigliamo di prenderle con le pinze.

Intanto anche il colosso di Cupertino Apple sembrerebbe essere particolarmente interessato alla sua Apple Car, primo veicolo elettrico firmato Mela che potrebbe debuttare grazie alla società sudcoreana LG e alla compagnia canadese Magna International, le quali a metà aprile sembravano vicinissime alla creazione della joint venture “LG Magna e-Powertrain”.

FONTE: Gizchina
Quanto è interessante?
2