Officine Fioravanti ritocca la Ferrari Testarossa con una restomod da 510 CV

Officine Fioravanti ritocca la Ferrari Testarossa con una restomod da 510 CV
INFORMAZIONI SCHEDA
di

La Testarossa è senza dubbio uno dei modelli più amati tra i modelli Ferrari ed è un’auto che molti vorrebbero riportare in auge ai giorni nostri. Officine Fioravanti è uno di questi, e per questo ha progettato una restomod che dona caratteristiche più attuali e moderne alla vettura, mantenendo però le sue peculiarità che l’hanno resa celebre.

La Ferrati Testarossa è stato il simbolo degli anni ‘80, non solo perché diventata famosissima nel telefilm Miami Vice, ma anche per gli innumerevoli dettagli che la caratterizzavano. Primo tra tutti il suo motore V12 a 180°, ma anche il posteriore estremamente largo, i fanali anteriori a scomparsa e quel design dannatamente spigoloso e muscoloso delle vetture di quegli anni.

Officine Fioravanti ha realizzato quindi una restomod che non incide in nessuna maniera sui dettagli appena citati, ma apporta piccoli miglioramenti a livello meccanico che la rendono decisamente più attuale. Per prima cosa ci sono i cerchi monodado da 17 pollici all’anteriore e 18 pollici al posteriore, che adesso possono calzare pneumatici Michelin Pilot Sport 4 e 4S, oppure Pirelli Trofeo R.

A differenza di altre restomod che abbiamo visto negli ultimi tempi (ad esempio guardate la bellissima Kimera EVO37 restomod della Lancia 037), la carrozzeria dell’auto non è stata ricreata in fibra di carbonio per preservare l’autenticità del veicolo, ma il team è riuscito comunque ad abbassare il peso complessivo dell’auto di 130 kg.

Il motore 12 cilindri è stato ritoccato per erogare la bellezza di 510 CV a 9000 giri/min e 600 Nm di coppia, che le permettono una velocità massima di 323 km/h, ben oltre i 290 km/h che riusciva a raggiungere quando usciva di fabbrica. Per tenere a bada le performance extra di cui è dotata, ci sono due mappature della centralina e sotto alla carrozzeria sono presenti barre antirollio regolabili su entrambi gli assi e sospensioni Ohlins regolabili elettronicamente. Un nuovo impianto frenante Brembo ha invece il compito di frenare questo missile in arrivo dagli anni ‘80, che ora può contare su un sistema ABS settabile su 12 modalità fino al disinserimento completo.

Gli interni invece rimangono pressoché identici, con tanto di ingombrante telefono di bordo, ma non mancano alcune chicche dei giorni nostri, come la radio che supporta Apple CarPlay, due prese USB e connettività bluetooth per gli smartphone.

Officine Fioravanti è diventato quindi protagonista di un bellissimo atto d’amore verso una delle auto più iconiche del passato recente, ma nel frattempo c’è anche chi ha pensato bene di schiantare la propria Ferrari Testarossa contro un ulivo per imitare Ken Block.

FONTE: Motor1
Quanto è interessante?
3
FerrariFerrariFerrariFerrariFerrariFerrariFerrariFerrari