La nuova Ariel Nomad R è divertimento puro grazie a potenza e leggerezza

La nuova Ariel Nomad R è divertimento puro grazie a potenza e leggerezza
di

Nessuno si sarebbe mai permesso di dire che la Ariel Nomad standard fosse noiosa. La sua carrozzeria aperta, la sua leggerezza e lo stile con la quale si guida sono assolutamente spassosi, ma evidentemente per l'azienda non era abbastanza, e ha portato quindi alla luce la Ariel Nomad R per far letteralmente impazzire i propri clienti.

Questo ultimo modello porta in dote un nuovo motore, una trasmissione apposita, modifiche alle sospensioni e delle performance da infarto. Invece del classico propulsore Honda K24 da 2,4 litri e 235 cavalli di potenza, Ariel ha scelto di inserire nel vano motore il più modesto Honda K20 da 2,0 litri, che però goda di un compressore proprio.

Il risultato, nonostante le dimensioni inferiori dell'unità, è una potenza complessiva di 335 cavalli, e cioè ben 100 in più della variante precedente. Se finora avessimo parlato di una grossa berlina, di un SUV o di una generosa supercar, una differenza simile potrebbe essere quasi trascurabile, ma data la sua massa estremamente ridotta, ne viene fuori un rapporto potenza/peso clamoroso. Ecco quindi che lo scatto da 0 a 100 km/h di 2,9 secondi e la velocità massima di 200 km/h non sbalordiscono affatto.

A ogni modo, quelli citati non sono gli unici miglioramenti apportati alla vettura. Ad avvolgere i cerchi da 18 pollici troviamo infatti pneumatici Yokohama A052 quasi lisci, riguardo il sistema frenante si può godere di pinze freno a quattro pistoncini e circa le sospensioni Bilstein MDS è possibile godere di regolazioni atte ad incrementare la manovrabilità.

L'unica pecca risiede negli esemplari che andranno effettivamente in produzione. Ariel ha deciso di costruire appena 5 Ariel Nomad R, e al momento non è ancora stato indicato il prezzo unitario, quasi a voler destare preoccupazione nei clienti meno facoltosi.

Restando in tema di divertimento alla guida, non possiamo non citare la SCG 008: il buggy da Dakar da montare come un prodotto LEGO. Infine, passando a un gusto motoristico ben diverso, vogliamo chiudere dandovi una buona notizia circa la rinascita del festival inglese della velocità: il Goodwood Speedweek 2020 riparte nonostante la pandemia di coronavirus non accenni affatto ad arrestarsi.

FONTE: autoblog
Quanto è interessante?
2