Quali sono le novità del mondiale di F1 2022 con il cambio di regolamento? Ecco i dettagli

Quali sono le novità del mondiale di F1 2022 con il cambio di regolamento? Ecco i dettagli
di

Ancora un mese separa gli appassionati di Formula 1 dall'inizio del primo GP in Bahrein e, di conseguenza, del Campionato del Mondo 2022. Ma quali sono le novità introdotte con il cambio di regolamento imposto dalla FiA per l'edizione di quest'anno? Ecco un riassunto con tutti i dettagli.

Ovviamente il nuovo regolamento coinvolge le monoposto di Formula 1 il cui deisgn è radicalmente cambiato a fronte delle direttive imposte dalla Federazione Internazionale dell'Automobile. Il celebre progettista Andrew Newey, infatti, avrebbe definito questi cambiamenti tecnici come "la rivoluzione più radicale del campionato degli ultimi 40 anni".

Sappiamo che in fase di progettazione le vetture saranno più lente di circa 3 secondi rispetto all'anno precedente, tuttavia tutti i team contano di ridurre questo gap, se non addirittura azzerarlo, durante il corso del campionato una volta raccolti più dati possibili dalle auto su pista. Ad ogni modo, le novità più importanti introdotte dal regolamento sono riassunte quanto segue:

  • Nuovo carburante E10 che dovrebbe ridurre gli attuali consumi di circa 2,7 Km/litro;
  • Semplificate le ali aerodinamiche;
  • Ruote a profilo ridotto di 18'';
  • Effetto suolo;
  • Winglets over-wheel;
  • Copriruota;

Gli ultimi due punti sono piuttosto importanti poiché andranno a ridurre i vortici generati dalla vettura, dunque l'aria sporca, e renderla più "pulita". Il cambiamento più radicale in termini di progettazione è la reintroduzione dell'effetto suolo, precedentemente abolito nel 1982, che attraverso delle ali all’interno delle pance laterali sfruttano l’effetto venturi in grado di creare un effetto di “risucchio” generando deportanza e maggior aderenza al suolo.

Le "nuove" ali sono state semplificate dal momento che il suo ruolo della gestione della deportanza è passato in secondo piano a fronte del "salary cap", che riduce il tetto spesa delle scuderie e di conseguenza per rendere più economici i pezzi dell'auto, nonché per convogliare i flussi generati dalle vetture verso l'alto e l'esterno per favorire l'auto che segue con la conseguenza di maggiori sorpassi e più spettacolarità. Le ruote da 18 pollici di diametro, infine, complicheranno la gestione delle temperature ma che, se sfruttate a dovere, potranno garantire ai piloti maggiori risultati in gara e in qualifica.

E voi, invece, cosa ne pensate del nuovo regolamento? Fatecelo sapere con un commento qua sotto, ma non prima di aver dato un'occhiata alla nuova F1-75 della Scuderia Ferrari.

Quanto è interessante?
5