Novità sul misterioso incidente Tesla che ha ucciso due uomini: c'era qualcuno alla guida?

Novità sul misterioso incidente Tesla che ha ucciso due uomini: c'era qualcuno alla guida?
di

La scorsa settimana ha fatto molto parlare di sé uno strano incidente accaduto a due uomini in Texas. Due persone sono morte all’interno di una Tesla che apparentemente non aveva nessuno al posto di guida. Ora emergono nuovi dettagli sul caso, che resta pieno di ombre.

All’inizio si è subito pensato a una goliardia finita male, con i due uomini a bordo intenti a testare Autoilot senza che vi fosse nessuno al posto di guida. La cosa è subito stata smentita dalla “scatola nera” della Tesla, che registra ogni evento. Come confermato da Elon Musk, Autopilot non era attivo al momento dell’impatto, cos’è accaduto dunque?

Le autorità, insieme a Tesla stessa, alla NTSB e alla NHTSA, hanno ovviamente avviato delle indagini e l’azienda californiana ha ora rilasciato un nuovo statement: “Abbiamo condotto delle indagini insieme alle autorità e siamo arrivati alla conclusione che l’Autosteer non era attivo poiché non avrebbe potuto funzionare con quelle condizioni stradali. Il Cruise Control Adattivo è rimasto attivo solo fin quando il conducente è rimasto seduto al suo posto con la cintura allacciata, accelerando fino a 48 km/h prima di staccarsi del tutto quando la cintura è stata slacciata prima dell’incidente. Visto anche il volante deformato, viene da pensare che effettivamente qualcuno alla guida vi fosse sul serio, al momento dell’incidente invece tutte le cinture di sicurezza erano slacciate”.

Una dichiarazione che porta qualche novità ma che non risolve il caso, anzi, se vogliamo lo complica ulteriormente. Che l’uomo alla guida sia riuscito a scappare? E in questo caso, perché mai sarebbe scappato? Senza nessuno alla guida al momento dell’impatto, e con il Cruise Control disattivato, come ha fatto l’auto a urtare gli alberi con violenza e incendiarsi? Le autorità continuano le indagini, nel frattempo Tesla ha confermato che non è riuscita a recuperare la scheda SD contenuta all’interno dell’auto, con le immagini della dashcam sarebbe stato forse più semplice comprendere l’accaduto. Rimaniamo in attesa di nuovi sviluppi.

FONTE: Electrek
Quanto è interessante?
2