No, non c'è nessuna nuova regola del Codice della strada: la bufala che corre online

No, non c'è nessuna nuova regola del Codice della strada: la bufala che corre online
di

Siamo alle solite. Il web utilizzato come mezzo per diffondere fake news e creare confusione agli utenti. No, non siamo negli Stati Uniti d'America e non stiamo parlando delle elezioni USA, ma si tratta di una bufala che si sta diffondendo a macchia d'olio in tutta Italia. Essa parla di nuove regole del Codice della strada, che però non esistono.

In particolare, il messaggio in questione, che si sta diffondendo molto online, riporta quanto segue: "!!!Facciamo attenzione. A partire da martedì prossimo entrerà in vigore il nuovo codice della strada. Oggi è stato approvato l'articolo più pesante, ed è giusto così: *chiunque verrà sorpreso alla guida del veicolo, anche se è fermo ai semafori o agli stop, con il cellulare o altri apparecchi* la sanzione è la seguente: *ritiro immediato della patente* e una *multa da 180 euro fino a 680 euro.* Quindi stiamo tutti molto attenti, organizziamoci con i viva voce e *se indossiamo gli auricolari ricordiamoci che un orecchio deve restare libero* Fa girare a manetta!".

Tralasciando i "!!!" e l'immancabile "fa girare a manetta!", che garantiscono già un indizio relativo al fatto che si tratti di una bufala, ovviamente l'articolo 173 del Codice della Strada non riporta quanto scritto in quel messaggio. Citiamo di seguito quanto riportato da esso e ripubblicato da ilPost:

"È vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare cuffie sonore, fatta eccezione per i conducenti dei veicoli delle forze armate e dei Corpi di cui all’articolo 138, comma 11, e di polizia. È consentito l’uso di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare purché il conducente abbia adeguate capacità uditive ad entrambe le orecchie che non richiedono per il loro funzionamento l’uso delle mani.

Chiunque viola le disposizioni di cui al comma 2 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 160 a euro 646. Si applica la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre mesi, qualora lo stesso soggetto compia un’ulteriore violazione nel corso di un biennio".

Quindi, non è assolutamente vero che vi verrà ritirata immediatamente la patente e inflitta una multa che va dai 180 ai 680 euro. La bufala in questione gioca sul fatto che da tempo si parla di un inasprimento delle sanzioni in tal senso, ma ripetiamo che per ora non esiste alcuna nuova regola del Codice della Strada.

Vi consigliamo di cercare sempre online ulteriori informazioni pubblicate da fonti attendibili non appena vedete sui social network "notizie" del genere.

FONTE: ilPost
Quanto è interessante?
5

Scopri le migliorie offerte del Black Friday 2018: sconti e promozioni per risparmiare sui tuoi acquisti!

No, non c'è nessuna nuova regola del Codice della strada: la bufala che corre online