Da dove nasce la denominazione "Targa" utilizzata da Porsche?

Da dove nasce la denominazione 'Targa' utilizzata da Porsche?
di

Il mondo dell’automobile è fatto di modelli di ogni tipo, colore e forma, e soprattutto da nomi che possono essere più o meno comprensibili agli utenti, specialmente se non particolarmente appassionati al brand di riferimento. Ebbene, un breve tweet di Porsche spiega la nascita della denominazione “Targa” utilizzata sulle 911.

Quindi sappiate che dietro alle Porsche 911 Targa c’è un po’ di Italia, dato che questa versione deriva proprio dai successi del marchio ottenuti negli anni ’50 nella Targa Florio, la più antica corsa automobilistica di durata al mondo, che dal 1955 al 1973 ha fatto parte del campionato mondiale Fia Sport Prototipi.

Data la pericolosità di questa corsa, Porsche decise di adottare una copertura in vetro assieme ad un solido rollbar, così da aumentare la sicurezza dei piloti. Da quel momento la casa decise di adottare il nome sulle sue vetture di produzione: l’idea originale prevedeva il nome “Flori”, ma il capo delle vendite di allora, Harald Wagner, suggerì il nome Targa (guardate la 911 Targa che si è regalato Ibrahimovic per il suo compleanno).

Il fatto curioso è che Porsche non era a conoscenza del fatto che in Italia il termine Targa si riferisse al numero di identificazione delle vetture. Lo apprese soltanto dopo, quando iniziarono a lavorare alle brochure per la vendita. Il marchio Targa venne poi registrato nel 1965 e la sua prima apparizione avvenne un anno più tardi, sulla Porsche 911 Targa del 1966.

Inizialmente prevedeva una capote posteriore ripiegabile, ma dal 1967 Porsche adottò un vetro riscaldato fisso che divenne poi uno standard del modello, presente ancora oggi in gamma nelle varianti 4, 4S e 4 GTS (a dirla tutta, esiste anche la versione Lego della Porsche 911 Targa).

Quanto è interessante?
1
Da dove nasce la denominazione 'Targa' utilizzata da Porsche?