di

Sì, proprio come recita il titolo in alto, una MINI Cooper SE è riuscita a battere una velocissima Tesla Model 3, ma c'è un motivo specifico per questo strano avvenimento, infatti una cosa simile sembra impossibile di primo acchito.

La ragione della sconfitta è da ricercare nella Modalità Chill della berlina elettrica californiana, che se ingaggiata tiene a bada l'unità elettrica aumentandone il range ma rendendo l'accelerazione molto più costante e meno poderosa. Chiaramente una Model 3 in condizioni normali distaccherebbe di parecchio la MINI, questo è palese.

I ragazzi di InsideEVs, i quali hanno da poco lanciato un canale YouTube proprietario, hanno però voluto testare varie soluzioni e divertirsi. Inizialmente si era pensato di dare alla MINI un centinaio di metri di vantaggio, oppure un delay in partenza di circa quattro secondi. Secondo Kyle però la scelta più divertente sarebbe stata quella di optare per la Chill Mode.

Tutto il team credeva che la Model 3 avrebbe vinto lo stesso, magari partendo in modo più cauto, ma poi recuperando di gran carriera. Kyle, a bordo della EV, ha avuto un migliore spunto nei primissimi metri, ma la Cooper SE a pieno regime ha guadagnato subito, portando un certo distacco fino al traguardo. Tra l'altro Kyle aveva impostato la telecamera con un'inquadratura verso il posteriore, preventivando di staccare considerevolmente la MINI, ma evidentemente si sbagliava.

Per concludere vogliamo lasciarvi ad altre interessanti gare d'accelerazione. La prima riguarda un testa a testa clamoroso tra una Tesla Model S Performance e una Lamborghini Aventador S. La seconda invece mette ai nastri di partenza una Dodge Demon e una McLaren 720S, per un totale di circa 2.000 cavalli imbizzarriti.

FONTE: insideevs
Quanto è interessante?
1