Milano blocca i monopattini Helbiz, Bird e Circ per diverse irregolarità

Milano blocca i monopattini Helbiz, Bird e Circ per diverse irregolarità
di

Il 2020 è stato certamente (anche) l’anno dei monopattini elettrici. Sia quelli privati, che molti italiani hanno potuto acquistare in sconto grazie al Bonus Mobilità 2020, sia quelli in condivisione, che hanno riempito le nostre città. A Milano però ci sono stati vari problemi con Helbiz, Bird e Circ.

Da Palazzo Marino, la sede del comune, fanno sapere che le tre società non hanno più la licenza a operare sul territorio - e questo a causa di diverse anomalie riscontrate. Il comune di Milano ha infatti attivato, sin dall’inizio della sperimentazione dei monopattini in condivisione, monitoraggi costanti sui veicoli disponibili, e questi avrebbero accertato varie irregolarità.

Scrivono da Palazzo Marino: “A fronte di diverse rilevazioni di irregolarità a carico degli operatori e di reiterazione di comportamenti non conformi alle regole definite negli avvisi pubblici, si è reso necessario arrivare a questo provvedimento che impone a tre operatori la cessazione delle attività e il ritiro dei veicoli entro metà novembre”.

Sembra che i veicoli si siano dimostrati più veloci del consentito, spesso in divieto di sosta. Specifica il comune che il grande successo ottenuto da tali veicoli non può prescindere dalla sicurezza e dalle regole basilari. Ricordiamo inoltre che con il Bonus Mobilità 2020 era possibile spendere fino a 500 euro in corse su monopattini elettrici in sharing, motivo per cui dallo scorso 4 maggio c’è stato un vero e proprio boom di utilizzi nelle più grandi città d’Italia.

Quanto è interessante?
1