Mercedes-Benz resta senza batterie per la EQC e incolpa Tesla

Mercedes-Benz resta senza batterie per la EQC e incolpa Tesla
di

Alla vigilia della sua commercializzazione doveva essere un veicolo "Tesla Killer", o almeno così era secondo buona parte della stampa specializzata, per il SUV elettrico Mercedes-Benz EQC invece le cose non stanno proprio andando come si sperava.

In Germania, al 3 gennaio 2020, le unità vendute nel giro di un paio di mesi erano state appena 55, con il marchio della stella costretto a frenare clamorosamente la produzione. Dall'obiettivo delle 25.000 unità prodotte nel 2019, si è scesi a 7.000; quest'anno dalle 60.000 previste si è tagliato tutto del 50%, scendendo a 30.000, questa volta però il motivo sarebbe logistico, poiché ci sono ritardi nella consegna di batterie da parte della LG Chem.

Michael Brecht, Works Council Chief di Daimler, dà in parte la colpa a Tesla, che dopo aver acquistato la Grohmann Engineering nel 2017 ha limitato lo spazio di manovra di Mercedes-Benz, oggi incapace a ottenere tutte le batterie necessarie. Dopo quella acquisizione, Daimler aveva comunque tentato di acquistare batterie dalla Grohmann, cosa che al CEO Elon Musk non andava affatto a genio; per questo motivo il fondatore Klaus Grohmann, favorevole a vendere a Mercedes-Benz, era stato rimosso dal suo incarico.

Oggi l'azienda è conosciuta come Tesla Grohmann Automation. La notizia del taglio della produzione della Mercedes-Benz EQC è un disastro non solo dal punto di vista commerciale, anche legale: l'azienda ha infatti un obiettivo da raggiungere, una media di emissioni di 95 g/km per tutta la sua line-up, quota che senza le EQC sarà difficile ottenere entro la fine del 2020. Per evitare 1,1 miliardi di dollari di multa, Daimler deve ridurre le sue emissioni di 27,3 grammi/km entro il 2021, sarà una costa piena di ostacoli...

FONTE: Teslarati
Quanto è interessante?
2