Mercedes F1 gareggerà con una livrea tutta nera, ecco perché

Mercedes F1 gareggerà con una livrea tutta nera, ecco perché
di

La stagione 2020 di Formula 1 quest'anno non è ancora partita a causa della pandemia globale di coronavirus, ma la decisione di farla partire è arrivata già da un po', e si concretizzerà in questo fine settimana, quando in Austria avremo finalmente il primo Gran Premio.

Mercedes ogni anno prende parte alla carovana del campionato automobilistico più importante al mondo mettendo in campo le classiche "Frecce d'Argento", un nome che lascia intendere senza alcun dubbio il colore della livrea delle sue monoposto.

Quest'anno il debutto assumerà però tonalità differenti: nel corso delle ultime ore il team Mercedes F1 ha deciso di lanciare, in onore del movimento "Black Lives Matter", una livrea quasi completamente nera, ma non solo. L'ormai indispensabile "halo" che circonda l'abitacolo di ogni pilota per motivi di sicurezza porterà con sé la scritta "End Racism".

Il team ha fatto sapere che il movimento Black Lives Matter "ha fatto risplendere una luce su quanto ci sia bisogno di nuove misure e azioni nella lotta contro il razzismo e tutte le altre forme di discriminazione." A far sfilare la nuova (a nostro parere bellissima ed elegante) livrea ci penseranno gli eccezionali piloti che rispondono al nome di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas, i quali domenica prossima, in Austria, avranno un motivo in più per provare a mettere le proprie Mercedes davanti a tutte le altre monoposto.

"Nella nostra società non c'è spazio per razzismo e discriminazioni, e lo stesso vale per il nostro sport e il nostro team: questo è il credo fondante di Mercedes." Così ha commentato la vicende il team principal di Mercedes F1, Toto Wolff, che ha poi proseguito:"Avere le credenze giuste e l'approccio corretto non è abbastanza se si rimane in silenzio. Vogliamo usare la nostra voce e la nostra piattaforma globale per comunicare il rispetto e l'uguaglianza, e la Freccia d'Argento correrà in nero per l'intera stagione 2020 per mostrare impegno verso la diversità all'interno del nostro team e del nostro sport."

Insomma, le parole di Toto Wolff non lasciano assolutamente spazio a fraintendimenti, e dal nostro canto non possiamo fare altro che un plauso verso tutti coloro all'interno del team i quali hanno sostenuto la decisione appena presa.

Nel frattempo la casa automobilista tedesca è al lavoro sulla mobilità elettrica e sulla guida autonoma. Gli esempi in questo senso sono l'introduzione della tecnologia Nvidia all'interno del "cervello" delle vetture e i grossi investimenti che hanno portato alla Mercedes-Benz Vision EQS, la quale vuole lasciare intravvedere il futuro del brand.

FONTE: autoblog
Quanto è interessante?
2