INFORMAZIONI SCHEDA
di

Vi siete mai chiesti fin dove si spingano le differenze tra una supercar e la sua versione da pista? Un nuovo video confronta la McLaren Senna con la sua versione da circuito, la Senna GTR. Il paragone spanna per spanna mostra più di qualche differenza.

I cambiamenti principali dipendono dalle esigenze dalla GTR, McLaren ha fatto il possibile per spingere giù il peso, in modo da aumentare le performance in pista. Ad esempio la GTR fa a meno del secondo set di catalizzatori a beneficio di un leggero calo di peso e più potenza.

L'enorme splitter frontale, e l'altrettanto gargantuesco alettone, sono poi un'esclusiva della McLaren Senna GTR. Inutile menzionare che lo splitter, così a ridosso con la superficie finirebbe molto, ma molto, male laddove dovesse vedersela con le strade aperte, tra dossi ed altre irregolarità.

Ma la GTR è pensata per le strade pulite dei tracciati come quello di Goodwood, e può quindi prendersi il lusso di un elemento progettato, assieme agli altri elementi per la aerodinamica, per consentire all'auto una deportanza di oltre 1.000kg. 200 in più della Senna normale, 400kg in più della McLaren P1.

Che la Senna GTR sia fatta per bruciare i tempi migliori in pista è poi oltremodo chiaro quando si decide di entrare nell'abitacolo, ed ecco che anche i pochi elementi di comfort che troviamo sulla Senna da strada spariscono, per fare posto ad un'unica vocazione: ottenere le performance migliori.

Non ne avete abbastanza? Guarda un nuovo video con Bruno Senna alla guida della super GTR.

FONTE: Motor1
Quanto è interessante?
1