di

Dal 2035 in Europa non si potranno più vendere auto a benzina e gasolio, ibride comprese, qualche produttore però ha anticipato di parecchio i tempi... pensiamo a Smart, ora controllato dal gruppo cinese Geely assieme a Volvo Cars e Polestar. A oggi le nuove Smart sono solo elettriche, ma come vanno queste piccole EV cittadine?

Il nostro amico Matteo Valenza ne ha provata una e nel suo nuovo video vi racconta tutti i dettagli della vettura e perché - eventualmente - convenga acquistarla. La versione analizzata è la Smart EQ ForTwo del 2021, una EV lunga appena 2,69 metri, larga 1,66 e alta 1,55 - con un passo di 1,87 metri.

Nonostante il suo DNA elettrico, e dunque un po' di spazio necessario a conservare le batterie, il bagagliaio offre 260 litri, che diventano 360 con il sedile del passeggero abbattuto. A proposito di batterie: a bordo trova spazio una batteria da 16,7 kWh, garantita per 8 anni o 100.000 km.

A casa, tramite presa Shuko, la ricarica completa della batteria sistemata nel pianale dura circa 8 ore, il motore invece è piazzato sull'asse posteriore e offre 80 CV, non male in realtà per una vettura così piccola, con 160 Nm di coppia. La velocità massima dichiarata è di 130 km/h, anche se Matteo ha scoperto che può anche offrire qualche chilometro orario in più. Non vi spoileriamo oltre, vi lasciamo alle immagini e alle parole di Matteo.

Certo la Smart EQ ForTwo non è certo l'elettrica più economica del mercato, nonostante le sue dimensioni; se volete spendere di meno per un'auto elettrica più spaziosa, date un'occhiata alla nostra prova della nuova Dacia Spring elettrica.

Quanto è interessante?
2