Quali macchine possono guidare i neopatentati? Tutti i limiti previsti per i primi 3 anni

Quali macchine possono guidare i neopatentati? Tutti i limiti previsti per i primi 3 anni
di

A causa del COVID-19, l’ultimo anno non è stato affatto semplice per le autoscuole, con ritardi di ogni genere, rinvii e quant’altro. Gli esami però, seppur con lentezza, sono ripresi regolarmente, ma quali macchine possono guidare i neopatentati una volta promossi? Cerchiamo di fare chiarezza.

Innanzitutto per “neopatentato” si definisce chiunque abbia appena conseguito una patente A, B, A2 o B1 da meno di tre anni, che deve sottostare a una serie di limiti. Partiamo da quelli di velocità: in autostrada un neopatentato non può superare i 100 km/h, sulle strade extraurbane principali invece non può andare oltre i 90 km/h per i primi tre anni. I neopatentati poi non possono guidare tutte le auto indistintamente: il Codice della Strada impone ai possessori di patente B la guida di vetture dalla potenza specifica di 55 kW/t in rapporto alla tara.

In caso di normali veicoli passeggeri, non si devono superare i 70 kW di potenza e i 75 CV. Per i primi tre anni dal conseguimento della patente inoltre è importante guidare con un tasso alcolemico di massimo 0,5 grammi/litro, un limite più stringente rispetto al normale. Per i minori di 21 anni inoltre il limite è pari a zero, bisognerà dunque mettersi alla guida da sobri. Chiunque non rispetti queste regole va incontro a sanzioni pecuniarie di varia natura, con sospensione della patente fino a 36 mesi, carcere fino a 18 mesi e confisca del veicolo nei casi più gravi.

Quanto è interessante?
1