INFORMAZIONI SCHEDA
di

La LFA venne costruita con lo scopo di mettere in mostra le competenze tecniche di Lexus, che tra il 2010 e il 2012 creò una supercar che da quel momento divenne una leggenda tra le vetture sportive, specialmente per il sound generato dal suo V10 aspirato. È anche rarissima, ma grazie a Tedward, possiamo farci un giro.

Certo, essere alla guida sarebbe tutta un’altra cosa, ma ce ne sono soltanto 500 al mondo, quindi è già difficile trovarle, figuriamoci guidarle. Questo video però ci mette direttamente al posto di guida e in qualche modo ci trasmette alcune delle sensazioni che si possono provare a bordo di questo bolide giapponese.

Anche da dentro l’abitacolo, il protagonista è il motore V10 aspirato da 4.8 litri montato in posizione anteriore-centrale, in grado di erogare 560 CV a 8,700 giri/min e 480 Nm di coppia a 6,800 giri/min, che vengono scaricati sulle ruote posteriori attraverso un cambio Aisin a 6 rapporti con frizione singola, che garantisce ancora cambi di marcia rapidissimi, anche oggi che i cambi a doppia frizione la fanno da padroni.

La potenza stessa non è esuberante e con numeri da capogiro, rispetto alle recenti supercar e hypercar dei vari costruttori, ma per l’uso stradale bastano e avanzano per divertirsi e lasciare un bel sorriso stampato sul volto delle persone. Inoltre l'abitacolo è un gran bel posto in cui sedere, grazie ad alcuni dettagli davvero ben riusciti. Anche lo YouTuber del video si è soffermato sulla bellezza e sulla cura riposta nella costruzione delle maniglie in alluminio, annegate in una struttura in carbonio che costituisce il pannello della portiera.

La strumentazione è un altro elemento caratteristico della vettura, dal look minimale e pulito, quasi motociclistico, che mette in mostra una lancetta del contagiri che si muove con una velocità imbarazzante, e infatti ai tempi lasciò senza parole molti addetti ai lavori.

La LFA del video è una modello standard, ma nel 2011 venero costruiti anche 50 esemplari in versione Nurburgring Package, che regalava altri 10 CV con l’adozione di un nuovo impianto di scarico, ma soprattutto vantava migliorie all’assetto e all’aerodinamica, grazie all’utilizzo di appendici fisse in fibra di carbonio.

L’auto aveva un prezzo piuttosto elevato, ci volevano infatti 375,000 euro per portarla a casa - il pacchetto Nurburgring ne richiedeva altri 55,000 – ma bisogna considerare che la maggior parte della produzione avveniva in maniera artigianale.

Al giorno d’oggi compare qualche esemplare in vendita di tanto in tanto, e l’auto raggiunge delle cifre da capogiro a causa della sua rarità, senza dimenticare che auto con un motore di questo tipo andranno a scomparire, a partire proprio da Lexus stessa che, come abbiamo visto con la LF-Z, è ormai diretta al mondo dell’elettrico.

Quanto è interessante?
1