La Lancia Delta sta tornando? Ecco tutto quello che sappiamo sulla hatchback italiana

La Lancia Delta sta tornando? Ecco tutto quello che sappiamo sulla hatchback italiana
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Al momento Lancia, nonostante la strada discendente intrapresa dal brand negli ultimi anni, fa comunque parte dei marchi premium a disposizione di Stellantis insieme ad Alfa Romeo e DS Automobiles. In base agli ultimi report sul futuro del nuovo colosso dell'auto, pare che l'obbiettivo sia quello di riportare ai vecchi fasti il segmento.

In molti si aspettano il lancio di tanti nuovi modelli italiani tra il 2024 e il 2027 (anche Alfa Romeo), ed i piani potrebbero includere un eventuale rilancio della mitica Delta, la quale andrebbe ad incarnare una hatchback compatta premium a zero emissioni evitando di far cadere nel vuoto un nome di grande successo.

La prima generazione di Delta ha origine nel 1979, quando l'eccezionale Giorgetto Giugiaro si occupò del design della macchina che restò sul mercato fino al 1994. La seconda generazione, progettata da IDEA e basata sulla piattaforma della Fiat Tipo, si è protratta dal 1993 al 1999, mentre l'ultima iterazione ha sfruttato la piattaforma di Alfa Romeo Giulietta e Fiat Bravo per restare in commercio tra il 2008 e il 2014. Purtroppo da quel momento non si hanno più avute notizie su una possibile erede della vettura, e Lancia ha continuato il suo declino fino ad avere una sola auto a listino: la Ypsilon.

Adesso però l'intenzione di Stellantis è innanzitutto quella di rendere completamente elettrica la gamma già a partire dal 2026 cominciando dall'elettrificazione della Ypsilon. In futuro invece è indispensabile allargare il portfolio per una maggiore floridità del marchio e capillarità dello stesso sul mercato, e quale migliore opzione ci sarebbe dello sfruttare una nuova architettura per EV in modo tale da avere una appetibile Delta?

Al momento le compatte di Stellantis come la Peugeot 308 e l'Opel Astra si basano sulla duttile EMP2, ma è più probabile che la Delta arrivi tra qualche anno per fare affidamento sulla avveniristica piattaforma STLA Medium annunciata alcune settimane fa insieme a tutte le altre. In questo caso potremmo assistere al debutto di una vettura con pacco batterie compreso tra gli 87 e i 104 kWh, che si tradurrebbe in un'autonomia massima di 700 chilometri. L'output invece andrebbe a oscillare tra i 170 e i 449 cavalli.

Purtroppo per ora non possiamo avere notizie sicure in merito alla questione, ma per chiudere restando in tema dei futuri progetti di Stellantis vogliamo riportare un'ottima notizia: la nuova Punto arriverà nel 2023, è confermato.

FONTE: carscoops
Quanto è interessante?
1
La Lancia Delta sta tornando? Ecco tutto quello che sappiamo sulla hatchback italiana
Lancia DeltaLancia DeltaLancia DeltaLancia DeltaLancia Delta