Lamborghini: la casa del toro si prende cura delle api

Lamborghini: la casa del toro si prende cura delle api
di

La salvaguardia dell'ambiente dei produttori di autovetture non passa soltanto attraverso l'uso di materiali meno nocivi per l'ambiente o lo sfruttamento di energia pulita. Lamborghini in occasione della giornata mondiale delle api appena passata, 20 maggio, ha sottolineato il suo impegno verso questi stupendi insetti.

Dal 2016 a Sant'Agata Bolognese, nel Parco Lamborghini affianco la fabbrica, è presente un apiario, oggi dotato di dodici arnie che danno riparo a ben 600.000 api. Novità di quest'anno è un alveare tecnologico, dotato di due videocamere che permettono di osservare i comportamenti delle api e di estrarre dati interessanti. Un prodotto nato grazie alla Audi Environmental Foundation.

Le matrici dell'alveare - cioè miele, cera e le api stesse - vengono analizzate in modo da tenere sotto controllo il livello di inquinamento dell'area di Sant'Agata Bolognese. Tramite questa analisi è possibile capire le quantità di pesticidi, metalli pesanti, diossine e molto altro. Lamborghini ha inoltre avviato una ricerca sperimentale sull'analisi di alcune colonie di api solitarie, così da monitorare aree più ristrette e specifiche.

Queste iniziative sono parte di un'ampia strategia di sostenibilità ambientale che Lamborghini ha avviato nel 2009. Nel 2015 il sito produttivo è stato certificato come "carbon neutral", riconoscimento mantenuto anche con l'espansione dello stesso, dovuta all'introduzione del Super SUV Lamborghini Urus.

Stephan Winkelmann, CEO e Presidente di Automobili Lamborghini, ha fatto leva sul concetto di sostenibilità anche nell'annunciare il nuovo piano di elettrificazione dell'azienda.

FONTE: Carscoops
Quanto è interessante?
2
LamborghiniLamborghiniLamborghiniLamborghiniLamborghiniLamborghiniLamborghiniLamborghiniLamborghiniLamborghiniLamborghiniLamborghini