L'ammissione di Subaru: falsificati i test relativi agli standard di sicurezza

L'ammissione di Subaru: falsificati i test relativi agli standard di sicurezza
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Nel pomeriggio di ieri il presidente di Subaru, Tomomi Nakamura, insieme ad altri dirigenti del colosso nipponico ha confermato che la casa automobilistica ha falsificato i dati relativi ai test del sistema frenante e dello sterzo. Allo stato attuale non è previsto alcun richiamo, il Ministero dei Trasporti starebbe comunque indagando.

I dati non sono stati resi pubblici, ma Asahi riferisce che le falsificazioni riguarderebbero le prove effettuate sul sistema di frenata. Il primo riguarderebbe la capacità frenante delle ruote posteriori, a cui i collaudatori avrebbero applicato non solo i freni, ma anche il freno di stazionamento, allo scopo di migliorare (in maniera del tutto illegale) le prestazioni di frenata.

Il secondo test invece riguarda proprio il freno di stazionamento: in questo caso durante i test sarebbe stato utilizzato un freno a pedale per migliorare la capacità di frenata.

Ma non è tutto, perché alcune falsificazioni riguarderebbero anche il sistema di sterzata. In particolare, durante i test sarebbero stati spinti i pneumatici a mano in modo tale che il movimento potesse rispettare gli standard stabiliti da Subaru.

Al momento non è noto il numero di veicoli interessati, ma un portavoce ha ammesso che i problemi sarebbero legati al mercato locale e non internazionale. Nakamura si è scusato per aver "danneggiato la fiducia dei consumatori, a cui non sono stati adeguatamente segnalati i problemi di sicurezza per colpa dei test".

FONTE: The Drive
Quanto è interessante?
2

Scopri le migliorie offerte del Black Friday 2018: sconti e promozioni per risparmiare sui tuoi acquisti!