INFORMAZIONI SCHEDA
di

Seppur siano separate da divergenze in termini filosofici e dimensionali, Kia Stinger e Volkswagen Arteon appartengono in pratica allo stesso segmento di autovetture. La prima è più piccola della seconda, mentre quest'ultima rivendica un focus premium nel design dell'abitacolo.

In ogni caso, prendendo in considerazione la Arteon R, parliamo di due modelli per niente docili. La berlina tedesca infatti sfrutta un motore turbocompresso da quattro cilindri e 2,0 litri per mandare sull'asfalto 320 cavalli di potenza e 420 Nm di coppia. La trazione è integrale, e a convogliare il tutto verso le ruote ci pensa un cambio autmatico a doppia frizione e sette rapporti con tanto di launch control.

I ragazzi di Carwow hanno scelto come sua rivale l'agguerrita Kia Stinger GT (Mat Watson ha provato la Stinger alcune settimane fa), che invece si affida ad un ottimo V6 turbocompresso da 3,3 litri dall'output pari a 372 cavalli di potenza e ben 510 Nm di coppia, convogliato alle sole ruote posteriori. Se mettessimo al centro la forza bruta vincerebbe senza alcun problema la berlina sudcoreana, ma c'è anche da sottolineare il fattore peso, in quanto la Arteon R ha una massa sensibilmente inferiore.

La sfida è stata effettuata con asfalto leggermente bagnato, cosa che avrebbe dovuto favorire la Volkswagen, e così è stato: fin dai primi metri la Arteon R ha guadagnato la testa della corsa (il launch control è stato fondamentale), e l'ha mantenuta fino al traguardo. Il secondo test si è ripetuto in modo perfettamente identico, e così anche il terzo.

Da fermo e con asfalto bagnato non c'è scampo per la Kia Stinger GT, ma chi vince in una gara con vetture in movimento? Ebbene, Mat Watson di Carwow ha voluto scoprire anche questo, e con ogni probabilità il risultato non sorprende affatto: la sudcoreana ha trionfato a mani basse.

A proposito di gare di accelerazione vogliamo lasciarvi mostrandovi un testa a testa a dir poco leggendario: Lamborghini Countach contro Ferrari Testarossa per il dominio negli anni '80.

FONTE: motor1
Quanto è interessante?
1