Kalaschnikov, la mamma degli AK-47, ora vuole produrre auto elettriche. E sfida Tesla.

Kalaschnikov, la mamma degli AK-47, ora vuole produrre auto elettriche. E sfida Tesla.
di

Kalaschnikov, l'azienda mamma del celebre fucile d'assalto AK-47, ora vuole dire la sua anche sul settore automotive. Il produttore ha presentato una macchina elettrica che ricorda moltissimo le linee di alcune delle automobili sovietiche più celebri. Si chiama CV-1 e vuole rivaleggiare con le Tesla.

Sembra quasi uscita da una rivista di fantascienza, una di quei prodotti di fantasia che fanno molto "se negli anni 60-70 avessimo avuto tecnologie prodigiose" un po' alla Fallout. Così la CV-1, l'auto elettrica presentata ieri dal produttore di armi Kalashnikov, ruba a piene mani dalla storia del settore automobilistico sovietico, presentandosi come un erede -per linee e colori- di macchine come la Trablant e la Lj-Kombi (a cui è ispirata apertamente).

Non si sa nulla nè sul costo nè sulla data di una effettiva messa in produzione. Al momento solo un comunicato stampa dove Kalashnikov fa sapere di star immaginando nuovi sistemi originali con cui fronteggiare i principali produttori di macchine elettriche. Ma l'unico produttore menzionato dall'azienda è Tesla, e il guanto di sfida è chiaro e inequivocabile.

Il produttore di armi ha fatto sapere all'agenzia Sputnik alcuni dettagli della sua futura macchina, come i tempi d'accelerazione stimati in da 0-100 in 6 secondi, una potenza da 220 kW, e una autonomia di 350 Km.

Come già detto, per sapere quando e se questa macchina entrerà in produzione per il grande pubblico bisogna aspettare nuove informazioni. Quello che è certo, è che noi ci siamo già innamorati.

Quanto è interessante?
7

Scopri le migliorie offerte del Black Friday 2018: sconti e promozioni per risparmiare sui tuoi acquisti!