'Jeremy Clarkson ha acquistato una McLaren da 300k'. La replica 'E' per la stampa id*oti!'

'Jeremy Clarkson ha acquistato una McLaren da 300k'. La replica 'E' per la stampa id*oti!'
di

Dopo aver dispensato consigli bizzarri per fermare gli attacchi nel mar Rosso da parte degli Houthi, Jeremy Clarkson torna protagonista delle nostre pagine, questa volta con una vicenda alquanto curiosa.

L'ormai ex conduttore di The Grand Tour se l'è presa con i colleghi della carta stampata, colpevoli di aver fatto un finto scoop. Il tabloid Daily Mail, fra i più letti oltre Manica, ha infatti riportato una foto di Jeremy Clarkson mentre scende da una splendida McLaren 750S di colore viola in quel di Notting Hill, fra i quartieri più esclusivi di Londra.

Il problema è che quella fuoriserie da mille e una notte non appartiene affatto al buon Jeremy, ma semplicemente era in dotazione allo stesso per una recensione, come è solito farne.

Jeremy Clarkson sfoggia la sua nuova McLaren da 300mila euro mentre parcheggia per il pranzo a Notting Hill”, è il titolo del Daily Mail, notizia che lo stesso conduttore ha voluto commentare scrivendo: “È un'auto per la stampa, idioti. Lo sto testando per il Sunday Times”, attraverso un post pubblicato sulla sua pagina Instagram lo scorso 7 febbraio, per comunicare la vicenda.

Evidentemente al Daily Mail è giunta la vicenda di conseguenza gli autori dello stesso pezzo hanno deciso di cambiarlo con un titolo più consono “Jeremy Clarkson sfoggia una McLaren viola da £ 260.000 mentre si avventura a Notting Hill”.

Pur non essendo certamente povero, l'irriverente giornalista inglese ha fatto sapere qualche settimana fa che i prezzi delle auto nuove sono diventati folli, di conseguenza ha preferito optare per un Range Rover usato, ironizzando sul fatto che lo stesso emettesse l'anidride carbonica dell'intera India, e facendo quindi un po' il verso ai suoi “amici” delle auto elettriche, lui che da sempre ha guardato con sospetto le vetture a batteria. Chissà se prima o poi riuscirà a farsi convincere e a passare definitivamente alla mobilità green.