Una delle Jaguar D-Type più rare al mondo all'asta per 6 milioni di euro

Una delle Jaguar D-Type più rare al mondo all'asta per 6 milioni di euro
INFORMAZIONI SCHEDA
di

E' appena finita all'asta una tanto meravigliosa quanto unica Jaguar D-Type del 1955. La casa d'aste che si occuperà dell'affare è la nota RM Sotheby's, che provvederà a cederla al nuovo futuro proprietario il prossimo mese a Parigi, in Francia.

Ci si attende una cifra di vendita che si aggira tra i 5,9 e i 6,4 milioni di euro. Questa D-Type ha numero di telaio XKD 520 ed è stata la settima mai prodotta in ordine cronologico per il consumatore. Fu assemblata e poi acquistata nel Giugno del 1955 dall'importatore australiano Jack Bryson, e ha in seguito gareggiato nel 1956 grazie al pilota professionista Bib Stillwell, che ha partecipato a competizioni quali Bathurst 500, Rob Roy Hill Climb e South Australia Trophy prima di vincere il campionato Bathurst Road Racing.

Purtroppo però, a causa dei tanti andirivieni alla quale è stata sottoposta, ha subito dei danni durante uno spostamento ed è passata poi tra le mani dell'appassionato di auto Frank Gardner, che l'ha ricostruita per metterla nuovamente in pista. Nel 1958 è stata affidata ad un ulteriore proprietario, che ha sostituito il motore originario con un 3,8 litri fornito dalla stessa Jaguar.

Il possessore attuale l'ha comprata nel 2014 e ha preso parte al Goodwood Revival dello stesso anno con quello che è uno dei primi esemplari di D-Type mai costruiti, nonché uno dei più ricercati dai facoltosi collezionisti di tutto il mondo. Vi consigliamo assolutamente di non perdervi la fantastica galleria di immagini in fondo alla pagina.

La casa automobilistica inglese è adesso completamente proiettata verso la mobilità elettrica. Di recente la I-Pace ha infatti ricevuto un aggiornamento capace di aumentare l'autonomia della EV. Un piede però resta nella tradizione: ecco le prime foto del restyling della Jaguar F-Type.

FONTE: carscoops
Quanto è interessante?
1
JaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguarJaguar