L'inquinamento dell'aria favorisce la diffusione del Coronavirus? Risponde la scienza

L'inquinamento dell'aria favorisce la diffusione del Coronavirus? Risponde la scienza
di

Il Coronavirus ci attanaglia in modo diretto ormai da quasi un anno, mesi in cui ne abbiamo sentite di tutti i colori, fra opinioni autorevoli e plateali bufale create ad hoc. Ora siamo in grado di sfatare uno dei tanti miti sorti a riguardo: l’inquinamento favorisce la diffusione del virus?

L’idea ha iniziato a circolare sin dallo scorso mese di marzo, quando a essere colpita dal virus cinese sembrava soprattutto la zona della pianura padana, notoriamente stretta in una brutta morsa d’inquinamento. Ora però uno studio prodotto dall’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del CNR e dall’ARPA Lombardia, pubblicato su Environmental Research, afferma come l’inquinamento non favorisca in alcun modo la diffusione del COVID-19.

Questo il virgolettato dell’assessore all’Ambiente della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo: “Lo studio offre risposte scientifiche in merito alla correlazione tra diffusione del Coronavirus e concentrazione di polveri sottili in atmosfera, fra cui non c’è alcun legame.” Lo studio infatti ha dimostrato come virus e particolato atmosferico non interagiscono in alcun modo fra loro, la trasmissione in aria del contagio è dunque una sorta di leggenda metropolitana - salvo ovviamente le zone di grande assembramento.

È invece certo il legame tra cattiva qualità dell’aria e malattie respiratorie generiche, motivo per cui la Regione Lombardia si è impegnata a fare sempre meglio al fine di migliorare la situazione. Ricordiamo inoltre che a Milano sono arrivati da tempo nuovi autobus a zero e basse emissioni per diminuire le polveri sottili in città.

FONTE: Repubblica
Quanto è interessante?
3