di

Girovagando su YouTube qualche volta vi sarete imbattuti in qualche filmato con protagonisti i dragster da competizione. Questi riescono a scattare come missili grazie anche ai loro speciali pneumatici posteriori, utilizzati con pressioni bassissime per fornire il maggior grip possibile. Ma cosa succede a cambiare la pressione su un’auto normale?

Questa è la domanda che si sono fatti i ragazzi di Driven Media, così da crearci un video dedicato per scoprire quanto la pressione influisca sulle doti d’accelerazione di una Mazda Mx-5. Per questo motivo Scott Mansell, pilota e volta del canale YouTube, ha effettuato varie prove di accelerazione con pressioni ben diverse tra loro, analizzandone prestazioni e comportamento in un range che spaziava tra i 70 psi (4.8 bar) ai 5 psi (0,3 bar), partendo dalla pressione “standard” di 30 psi (2.0 bar).

Nelle competizioni di accelerazione le gomme vengono sgonfiate per numerosi motivi. Prima di tutto si ottiene una maggior impronta a terra, e questo si tramuta in grip aggiuntivo, ma inoltre così facendo lo pneumatico si schiaccia riducendo la sua circonferenza, che nelle prime fasi dello scatto comporta una variazione nel rapporto delle marce, che appaiono più corte, che agevola ulteriormente la partenza, per poi tornare normale alle alte velocità, quando la gomma riprende la sua forma.

I vantaggi non finiscono qui: minor pressione negli pneumatici aumenta il trasferimento di carico, che in quindi in fase di accelerazione agevola ulteriormente il contatto delle gomme con l’asfalto, che ancora una volta si tramuta in un aumento di grip. Infine una gomma sgonfia si muove di più e quindi si scalda molto più velocemente rispetto alle pressioni convenzionali.

A quanto pare tutti questi dettagli entrano in gioco anche quando sulla linea di partenza si schiera una vettura di tutti i giorni, come può essere appunto una Miata. Le gomme troppo gonfie hanno peggiorato la prestazione rispetto alla pressione standard, perché l’area di contatto a terra cala drasticamente e favorisce la perdita di grip. Invece sgonfiando le prestazioni migliorano sensibilmente, specialmente alle pressioni di 10 e 20 psi, mentre tornano a peggiorare scendendo a 5 psi.

Un esperimento tanto semplice quanto ricco di piccoli dettagli che di primo acchito sembrerebbero ininfluenti. E in questo caso abbiamo parlato soltanto di pressioni, immaginate poi come possa cambiare lo scenario testando varie tipologie di pneumatici. A tal proposito, scoprite quali sono le differenze tra una gomma stradale, una da pista e una slick, oppure scoprite cosa cambia tra uno pneumatico standard e uno pneumatico dedicato alle auto EV.

Quanto è interessante?
2