Incentivi ed ecotasse, parla Luigi Di Maio: "Inquinare meno per noi e i nostri figli"

Incentivi ed ecotasse, parla Luigi Di Maio: 'Inquinare meno per noi e i nostri figli'
di

La situazione del settore auto, nel nostro Paese, è alquanto tesa. L'annuncio degli incentivi auto 2019 hanno fatto esultare in molti, l'entusiasmo però è stato smorzato da una nuova ecotassa calcolata in base alle emissioni di CO2, che mira a colpire buona parte delle auto sul mercato.

L'idea ha fatto infuriare i sindacati e le associazioni dei produttori, che ora potranno incontrare il Ministro Luigi Di Maio faccia a faccia, nel corso di un tavolo indetto da lui in persona. "Ho deciso di convocare un tavolo tecnico al ministero dello Sviluppo economico, per migliorare gli incentivi per l'auto elettrica, ibrida e a metano, con i costruttori, a partire da Fca, e con le associazioni dei consumatori. Insieme troveremo la soluzione giusta per centrare due obiettivi: proteggere noi e i nostri figli dall'inquinamento, senza pesare sul portafogli", queste le parole che il Ministro ha detto su Facebook nel corso di una diretta.

Ha inoltre sottolineato come l'ecotassa annunciata ieri non riguarderà in alcun modo le auto già in circolazione, soltanto quelle vendute a partire dall'1 gennaio 2019 - cosa che vi abbiamo detto anche ieri. Il Ministro ha inoltre fatto chiarezza sull'erogazione dell'incentivo, che riguarderà anche molti modelli diesel come la Panda, la Clio, la Golf, la Megane, la Polo, la Classe A di Mercedes e non solo.

"Con i nostri 6.000 euro vogliamo dare un incentivo a chiunque sia indeciso sul comprare un'auto elettrica, e disincentivare chi invece sceglie un'auto più inquinante". Certo però la manovra va migliorata, per stessa ammissione di Di Maio, saranno dunque settimane di fuoco quelle pre-natalizie, durante le quali arriveranno certamente notizie più chiare. (Foto: Ansa, Giuseppe Lami)

Quanto è interessante?
6

Scopri le migliorie offerte del Black Friday 2018: sconti e promozioni per risparmiare sui tuoi acquisti!