Importante battuta d'arresto per il Gruppo PSA nel 2019, meglio i concorrenti

Importante battuta d'arresto per il Gruppo PSA nel 2019, meglio i concorrenti
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il Gruppo PSA ha da pochi giorni annunciato i risultati finanziari relativi al 2019. Alla luce dei numeri condivisi il produttore francese ha ben poco da gioire visto l'andamento delle vendite in Cina, Medio Oriente e Africa.

Neanche dall'Europa arrivano buone notizie, infatti PSA nel vecchio continente ha avuto una flessione del 2,5% con 3,11 milioni di veicoli consegnati, ed Opel-Vauxhall è il brand interno fanalino di coda con un calo del 6,4%.

In leggero aumento invece le vendite dei veicoli commerciali leggeri, i quali secondo PSA hanno "mantenuto la loro posizione ottenendo un market share del 16,8% in un mercato cresciuto soltanto dell'1,3%." Secondo i numeri forniti dall'European Automobile Manufacturers Association (ACEA), PSA in Europa è stata surclassata sia dal Gruppo Volkswagen che da Renault per quanto concerne le sole automobili, anche se si attende ancora la divulgazione dei dati ufficiali di Renault.

"Il 2019 è stato un anno di consolidamento per Peugeot. Il brand si è completamente rinnovato nel segmento B, aspettandosi una crescita delle vendite nel 2020." Queste le parole di un portavoce Peugeot, riferendosi alle utilitarie proprietarie, e aggiungendo "Citroen ha avuto la più forte crescita tra i 12 brand con le maggiori vendite in Europa."

Il marchio DS d'altro canto è stato l'unico a segno positivo all'interno di PSA, con un incremento delle vendite del 17,4% a 62.512 unità complessive. In totale Peugeot è crollata del 16,3%, Citroen è scivolata del 5,1% e Opel Vauxhall del 5,9%. Impietosi i risultati ottenuti in Cina, che riportano un -55,4% consistente in 117.084 esemplari venduto, a rappresentare un decimo del volume prefissato dalla stessa compagnia pochi anni fa.

La contrazione dei volumi ha interessato anche il mercato Sudamericano (-22,5%) e quello del Medio Oriente (-43,7%), ma le cause sono anche da ricercarsi del ritiro forzato del gruppo dall'Iran in seguito alla recente instabilità dell'area.

Vista la fusione in atto col Gruppo FCA anche per quest'ultimo le notizie non sono delle migliori. Fiat Chrysler ha però fatto sapere di voler velocizzare lo sviluppo delle sue vetture, mentre sono in arrivo tante EV.

FONTE: autoblog
Quanto è interessante?
1