Il ministero dice no al controllo automatico della Rc Auto

Il ministero dice no al controllo automatico della Rc Auto
di

È confermato: no al controllo Rc auto automatico tramite telecamera. senza gli agenti che presidiano la postazione a bordo strada, non vale la notifica a casa del proprietario dell’auto trovata senza polizza.

Una spiegazione arrivata in questi giorni direttamente dal ministero dell'Interno che, attraverso il chiarimento 300/A/1223/19/105/2, è riuscito a risolvere una situazione non particolarmente chiara.

«[...]Nei casi di impossibilità della contestazione immediata, l’utilizzo del dispositivo Targa System, che è collegato con la banca dati del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, serve solo per segnalare la presenza di un veicolo che potrebbe non essere in regola con la revisione o con l’assicurazione (in questo senso l’apparecchio non accerta la violazione) e, quindi, il dispositivo costituisce un semplice supporto per l’Operatore [...]», si può leggere nel documento.

Insomma, come si evince dal documento, l’unica possibile soluzione è il controllo “tradizionale”: una pattuglia che, consultato il database della Motorizzazione e dell’assicurazioni, provvede a fermare subito il guidatore.

Guardiamo un’attimo i dati: il fenomeno dell’evasione della Rc Auto, stando ai dati forniti dall’Ania, l’associazione delle assicurazioni, ha coinvolto nel 2017 2,8 milioni di veicoli. Secondo i dati, quindi, il 6,3% del totale dei veicoli immatricolati non era regolarmente fornito di una copertura assicurativa.

Un fenomeno che ha delle conseguenze, alle volte, piuttosto spiacevoli, soprattutto quando si verificano degli incidenti dove, non avendo la la Rc Auto che copra le conseguenze dei sinistri, alcuni pirati della strada decidono di scappare per non pagare i danni dell’altro guidatore di tasca propria.

FONTE: Motor1.com
Quanto è interessante?
4