Hyundai e Kia produrranno le loro batterie a stato solido con Factorial Energy

Hyundai e Kia produrranno le loro batterie a stato solido con Factorial Energy
di

Anche se le auto 100% elettriche attualmente disponibili sul mercato non sono poche, i produttori hanno solo scalfito la superficie della tecnologia a zero emissioni. La prossima frontiera si chiama "batterie a stato solido" e Hyundai e Kia vogliono costruire queste nuove batterie "in proprio".

Le batterie a stato solido rappresenteranno una vera svolta nel settore automotive, poiché a differenza degli ioni di litio avranno più densità di energia, si ricaricheranno più velocemente e con il passare del tempo perderanno pochissima capacità grazie alla differente chimica. Chi riuscirà a svilupparle allo stato dell'arte guadagnerà un vantaggio clamoroso in termini di mercato.

Fra i primi produttori che riusciranno a usare questa tecnologia sembra esserci Toyota, che in questi ultimi anni ha investito tantissimo in merito, ora per anche Hyundai e Kia (parte dello stesso gruppo) hanno annunciato di voler costruire batterie allo stato solido in uno stabilimento proprietario. Il progetto sarà realizzato in collaborazione con Factorial Energy, azienda del settore energetico localizzata a Woburn in Massachusetts. La tecnologia di Factorial Energy si basa sulla FEST, Factorial Electrolyte System Technology, "un sistema proprietario a stato solido che garantisce celle di energia ad alto voltaggio e dall'alta capacità, attualmente disponibili in blocchi da 40 Ah che funzionano a temperatura ambiente".

Secondo Factorial, la FEST sarebbe una tecnologia più affidabile e sicura degli ioni di litio, capace di estendere il range dal 20 al 50% a parità di ingombro. A tal proposito la vera rivoluzione è la possibilità di integrare questa tecnologia nelle attuali piattaforme sviluppate per l'elettrico, Hyundai e Kia dunque non avranno bisogno di modificare il loro ottimo pianale E-GMP.

Non sappiamo esattamente quanti chilometri andremo a recuperare con questa tecnologia, anche solo il 20% in più però non sarebbe male rispetto alle autonomie attuali - già a prova di ansia su KONA Electric, IONIQ 5 (per saperne di più: abbiamo guidato la Nuova Hyundai IONIQ 5 RWD) e Kia EV6.

Nel comunicato rilasciato da Hyundai Motor Company purtroppo si omette una finestra temporale: non sappiamo dunque quando il gruppo sudcoreano riuscirà a implementare questa tecnologia su veicoli di produzione. Di sicuro Toyota vuole il suo prototipo con batterie a stato solido entro la fine di quest'anno, mentre BMW vuole farlo entro il 2025.

Quanto è interessante?
1