di

Durante la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni' 70 il mondo delle competizioni accolse a braccia aperte auto sperimentali dotate di innovazioni folli. Tra queste va necessariamente citata la Howmet TX del 1968, sport prototipo americana dotata di turbina a gas.

La rarissima coupé ha fatto mostra di sé al Concorso d'Eleganza di Villa d'Este, andato in scena sulle rive del lago di Como nel fine settimana appena concluso. La TX fu lo sforzo congiunto tra il pilota Ray Heppenstall, ideatore della vettura, la McKee Engineering, che sviluppò il telaio, e Howmet Corporation, che finanziò il progetto.

Nel video proposto dal canale YouTube Automotive Mike è evidente la natura esotica del propulsore; cilindri e pistoni lasciano spazio ad una turbina a gas realizzata dalla Continental Aviation & Engineering. Fu realizzata per un elicottero militare, un appalto che l'azienda statunitense non si aggiudicò. La potenza della Howmet TX è stimata a 354 CV, con una corposa coppia di 880 Nm. La turbina inoltre poteva arrivare fino a 57.000 giri al minuto.

La Howmet TX è l'unica auto equipaggiata con turbina a gas ad aver vinto una gara. Conquistò due eventi dello Sports Car Club of America (SCCA) e una volta ritirata dalle competizioni, evoluta a TX MK.II, stabilì sei record di velocità su terra certificati dalla FIA.

Al Concorso d'Eleganza è stata mostrata anche la ricostruzione della Lamborghini Countach LP 500, un modello magico che diede i natali alla leggendaria supercar. La turbina a gas cercò consensi anche tra le auto di produzione: la Chrysler Turbine Car fu costruita in 55 esemplari, dati in prova alle famiglie americane.

FONTE: Motor1
Quanto è interessante?
3