di

Gunther Werks è un nome conosciuto tra gli appassionati Porsche perché ha dato vita ad uno dei modelli più iconici basati sul modello 993, quello prodotto dal ‘94 al ‘98 che ha sostituito la 964. Dopo la versione Coupé il costruttore ha pensato di creare una versione speedster, che adesso possiamo ammirare in tutto il suo splendore.

La 993 Speedster Remasterd che vedete è stata presentata durante la Monterey Car Week, dove Gunther Works ha tolto definitivamente i veli alla sua ultima creazione, dopo aver pubblicato qualche teaser nei giorni scorsi. L’auto è caratterizzata dalla carrozzeria verniciata in Peninsula Cypan e interni che alternano pelle in Mandarin Orange e verde.

Al posto dei sedili posteriori si trovano i rinforzi della carrozzeria, necessari dato che il tetto originale viene asportato per trasformarla appunto in speedster, e la zona viene coperta da coperchi in carbonio che al loro interno celano anche le protezioni per la testa in caso di ribaltamento. La fibra di carbonio viene largamente utilizzata, assieme a rinforzi in alluminio, anche per fare da struttura al parabrezza anteriore.

Gli altri dettagli che spiccano guardando l’auto dall’esterno sono gli specchietti in alluminio a forma di “proiettile” e soprattutto i cerchi Gunther Werks che riprendono lo stile iconico dei Fuchs, ma con canale in carbonio e razze in magnesio, con serraggio center-lock derivato dalle competizioni. Al posteriore invece fanno capolino i due scarichi in Inconel creati con l’ausilio della stampa 3D.

Grazie all’utilizzo di materiali nobili e tanta fibra di carbonio, l’auto ferma l’ago della bilancia a soli 1175 kg, che vengono spostati dal motore 4.0 litri flat-six da 440 CV e 454 Nm di coppia, con zona rossa a 7800 giri/min, collegato alle ruote posteriori attraverso un cambio Getrag a sei marce con rapporti modificati e un nuovo differenziale con frizione in carbonio.

L’assetto è inedito e sfrutta ammortizzatori JRZ dotati di tre modalità di utilizzo, ossia Composed, Sport e Sport Plus. Le barre antirollio sono marchiate Eisenlohr Racing, mentre l’impianto frenante scelto per placare i bollenti spiriti dell’auto è Brembo, con pinze a 6 pistoni all’anteriore e 4 pistoni al posteriore.

Gunther Werks costruisce queste vetture su misura, e ne produrrà soltanto 25 esemplari a partire dal 2022.

FONTE: Motor1
Quanto è interessante?
1
Porsche 911Porsche 911Porsche 911Porsche 911Porsche 911Porsche 911Porsche 911Porsche 911Porsche 911Porsche 911