Guida aggressiva? Con le macchine nuove le emissioni nocive rimangono basse

Guida aggressiva? Con le macchine nuove le emissioni nocive rimangono basse
di

I giornalisti di Repubblica hanno provato a verificare in che modo lo stile di guida influisca sulle emissioni nocive usando un auto moderna, rispettosa dei rigorosi standard previsti dall'industria automotive odierna.

Vincenzo Borgomeo si è messo al voltante di una Peugeot 3008 diesel, su cui è stata montata la stessa attrezzatura che si utilizza per le omologazioni. Il giornalista ha così constatato che le emissioni nocive non aumentano nemmeno quando si sceglie uno stile di guida aggressivo e, quindi, sulla carta, scorretto: frenate brusche e repentine, seguite da frenate violente.

Stiamo ovviamente parlando dei NOx, gli ossidi d'azoto. Il discorso per le emissioni di CO2 non cambia, dato che dipendono dai consumi.

A valle delle numerose prove eseguite in questi giorni su strada, si evidenzia la capacità della nuova generazione di veicoli nel mantenere le emissioni del veicolo decisamente al di sotto i limiti normativi anche in condizioni di guida aggressiva e condizioni ambientali diverse",ha detto a Repubblica Salvatore Musumeci, Responsabile Laboratorio test drive della CSI SpA.

Una prova schiacciante di come ormai l'industria dell'automotive abbia fatto passi da gigante sul fronte dell'inquinamento, a differenza di altri settori ancora pericolosamente indietro — si pensi alle navi da crociera, che da sole inquinano più di tutto il parco macchine europeo.

Anche a fronte di questo dato, lecito chiedersi se gettarsi in un salto della fede come quello delle macchine elettriche —con tutte le incognite del caso— sia la scelta più giusta, dopo tutti i passi avanti fatti nelle macchine con motore tradizionale.

FONTE: Repubblica
Quanto è interessante?
4