La guerra di Piaggio contro i plagi delle aziende straniere

La guerra di Piaggio contro i plagi delle aziende straniere
INFORMAZIONI SCHEDA
di

L'UE dà ragione a Piaggio: un'azienda cinese aveva registrato il design di uno scooter un sospettosamente simile alla Vespa Primavera. Ma per Piaggio, è solamente l'ennesimo attacco. Negli ultimi due anni la guerra contro la contraffazione ha registrato numeri impressionanti.

Così l'Euipo, l'ufficio che si occupa di proprietà intellettuale all'interno dell'Unione Europea, ha dichiarato nullo il design copiato, perché manchevole del requisito dell'originalità. Il design plagio era stato addirittura esposto al Salone milanese delle due ruote: un affronto, per di più in casa di Piaggio.

L'Euipo ha giustificato l'annullamento della registrazione spiegando che il design cinese era incapace di suscitare un'impressione generale differente rispetto al design registrato, ossia quello della Vespa Primavera, uno dei modelli di punta di Piaggio (oggetto in questi giorni di un'interessante promozione).

Piaggio, nel suo comunicato, spiega che l'azienda monitora scrupolosamente le banche dati dei design e marchi registrati a livello mondiale, e questo proprio per combattere i tentativi di plagio e contraffazione di cui è sempre stata oggetto. Solamente negli ultimi due anni, spiega l'azienda italiana, sono stati cancellati oltre 50 marchi registrati illecitamente da aziende terze. Anche questo testimonia quanto il made in Italy faccia gola, motivo per cui abbassare la guardia non è mai un'opzione.

FONTE: Ansa
Quanto è interessante?
1