di

È stato presentata la nuova barriera spartitraffico NDBA, un autentico gioiello in grado di resistere agli impatti più violenti, a beneficio della sicurezza degli automobilisti. La NDBA ha superato un crash test a dir poco impressionante: un trasporto pesante da ben 38 tonnellate si è schiantato contro la barriera a piena potenza.

Come viene spiegato nel video in apertura, il punto di forza della barriera è la sua capacità di resistere a due urti violenti a distanza di pochissimo tempo l'uno dall'altro. Dapprima contro lo spartitraffico è stato lanciato un veicolo leggero, un'auto da circa 900Kg che viaggiava ad una velocità di 100Km con angolo di impatto di 20. Poi si è proceduto con il lancio di un tir da 38 tonnellate che viaggiava ad una velocità di 65Km/h, sempre con 20 di angolo di impatto.

Siccome la barriera aveva riportato danni esigui, il test è stato ripetuto provando l'incredibile resistenza del sistema NDBA, acronimo di National Dynamic Barrier Anas.

Il crash test si è tenuto a Bollate, in provincia di Milano.

Così Massimo Simonini, AD di Anas: "lo studio e la messa a punto di questa barriera nasce dalla necessità di Anas di continuare il processo di ricerca e sviluppo per completare la gamma di barriere rendendole sempre più performanti e rispondenti alle esigenze della nostra rete stradale e autostradale."

E continua: "l'obiettivo è innalzare i livelli di sicurezza degli utenti, riducendo anche i costi di installazione e la manutenzione dell'infrastruttura. L'esito positivo del crash test certifica che è un prodotto innovativo, unico, che permetterà di superare le tecnologie preesistenti, con anche una forte valenza commerciale sui mercati nazionali e internazionali."

Trovate il violento impatto del trasporto pesante con la barriera al minuto 2:30 del video.

FONTE: Ansa
Quanto è interessante?
4