Furto in concessionaria FCA: purtroppo è finita con una sparatoria

Furto in concessionaria FCA: purtroppo è finita con una sparatoria
di

Le proteste sollevatesi negli Stati Uniti dopo la tragica morte di George Floyd hanno portato ad alcune manifestazioni pacifiche e ad altre che lo sono state molto meno. Le seconde hanno avuto culmine in saccheggi, furti e distruzione, e spesso si è arrivati alla tragedia.

Alcuni giorni fa vi abbiamo parlato di varie concessionarie vandalizzate in lungo e in largo per la California, menzionando anche il rivenditore FCA preso d'assedio e separato dalle proprie vetture in esposizione. Gli autori di questo scempio sono stati ripresi dalle telecamere mentre sgommavano appena fuori la concessionaria, e la polizia locale si è subito attivata per recuperare le automobili.

Lo scorso lunedì la California Highway Patrol ha fatto sapere di aver già arrestato due persone le quali si erano appropriate indebitamente di una Dodge Journey portandola fin sulla Interstate 5. Sull'autostrada i fuggitivi sono stati inseguiti dalle volanti della polizia, costrette a superare i 160 km/h per non farsi seminare. Alla fine i due sospetti, particolarmente giovani, hanno dovuto accostare per l'esaurimento del carburante dopo 21 chilometri di corsa.

Al rivenditore FCA mancavano anche altre auto, tra le quali più di una delle Dodge Challenger tra quelle che potete vedere dal post Instagram in fondo alla pagina. Uno di questi esemplari era stato portato via da un ventiduenne e, probabilmente, anche dalla sua ragazza, la quale è stata vista a bordo del veicolo dalle forze dell'ordine. Purtroppo durante la giornata di sabato, quando la polizia ha rintracciato l'auto, non tutto è andato per il verso giusto: gli agenti hanno sparato e ucciso il ragazzo a bordo della Challenger, mentre la sua ragazza incinta è stata ferita, e in questo momento è ricoverata presso un ospedale della zona, secondo quanto riporta Fox 2 KTVU.

Da quello che abbiamo potuto trarre dai media locali, pare che il giovane sia stato dichiarato morto immediatamente dopo l'incontro con gli agenti, che avrebbero esploso più di 40 proiettili dai fucili d'assalto.

Giusto per sdrammatizzare quanto basta, vi rimandiamo al lato pacifico delle proteste. Alcune immagini scattate al centro di Hollywood, nella città di Los Angeles, riprendono un Brad Pitt totalmente a suo agio in mezzo ai manifestanti mentre indossa una felpa in onore di George Floyd e cavalca una meravigliosa BMW R nineT modificata.

FONTE: carscoops
Quanto è interessante?
3