di

Quest'oggi ad Avellino è accaduto un incidente di portata piuttosto importante. E' andata a fuoco una fabbrica di batterie per auto, con conseguente emissione di un'enorme nube di fumo che ha invaso la provincia campana e dintorni. Il prefetto ha pertanto dichiarato lo stato di emergenza.

Prima una serie di esplosioni, in seguito è arrivata la colonna di fumo nerissimo, che è penetrata fino al centro del comune di Avellino. A Pianodardine ci sono stati momenti di forte paura per i testimoni, che hanno assistito alla distruzione dello stabilimento della Ics. Per fortuna vigili del fuoco e personale della protezione civile sono intervenuti in modo tempestivo, per garantire innanzitutto l'isolamento e la sicurezza dell'area. Le fabbriche nei paraggi hanno per precauzione interrotto ogni attività, permettendo ai dipendenti di evacuare.

Come potrete notare dal video il colore del fumo non promette benissimo. E' da verificare la possibile combustione di sostanze altamente tossiche come gli acidi utilizzati per le batterie dei veicoli. Ad ora non ci è ancora possibile riportare eventuali danni ambientali e alla salute dei cittadini.

Per questa ragione i tecnici dell'Arpac sono impegnati da un lavoro incessante, con la collaborazione di centinaia di forze dell'ordine tra vigili del fuoco, polizia, carabinieri. Questi hanno provveduto tra l'altro ad isolare la zona interessata limitandone l'accesso. I sindaci dei comuni limitrofi hanno invece invitato le comunità vicine all'epicentro a non uscire di casa e a tenere le finestre saldamente chiuse.

Particolarmente sull'attenti i comuni di Atripalda e Montefredane, poiché dotati di svariate industrie, ove è stata predisposta un'ordinanza a tutela della salute dei cittadini, a titolo precauzionale. In attesa di aggiornamenti vi invitiamo a seguire i consigli delle forze di sicurezza, sperando che il bilancio dell'avvenimento non sia troppo nefasto.

FONTE: repubblica
Quanto è interessante?
5