Ford Focus RS 2002, una 'bestia' da rally camuffata da auto per tutti i giorni

Ford Focus RS 2002, una 'bestia' da rally camuffata da auto per tutti i giorni
di

Le vetture da rally adattate ad auto per tutti i giorni, sono sempre state fra le più gettonate dagli appassionati. Versioni speciali con un sacco di cavalli sotto il cofano, hanno sempre registrato interessanti volumi di vendita e lo stesso è avvenuto per la Ford Focus RS.

Nel 2002, 21 anni fa, Ford decise di apporre il suo mitico badge “Rallye Sport”, sul posteriore della sua hatchback presentata quattro anni prima, nel 1998, vettura che avrebbe poi vinto due campionati del mondo costruttori rally nel 2006 e nel 2007.

La Focus venne lanciata sul mercato per sostituire la Escort, e nel 1999 ne venne annunciata un'evoluzione sportiva, una concept car dal nome di Focus Cosworth. Il prototipo prevedeva un kit di allargamento che non passava inosservato, e assomigliava in tutto e per tutto al modello di serie che sarebbe stato poi immesso sul mercato tre anni dopo.

L'obiettivo dichiarato da Ford era quello di poter competere con le sportivissime estreme dell'epoca, a cominciare dalla Subaru Impreza, la cui versione 22B STI ha raggiunto cifre folli. La Ford Focus RS era caratterizzata da un colore unico, leggasi l'Imperial Blue, ed esternamente il suo stile era sobrio ma comunque inconfondibile.

Spiccavano ad esempio i cerchi in lega argento a cinque razze da 18 pollici marcati OZ. I passaruota erano ovviamente più larghi rispetto al modello di serie, e anche i paraurti anteriori e posteriori vennero modificati, con l'aggiunta di uno spoiler, non vistoso, sopra il lunotto.

Ma era in particolare nella meccanica in cui la Focus RS si differenziava dal modello di serie, a cominciare dal differenziale autobloccante Quaife, sospensioni inedite, ammortizzatori Sachs Racing, freni Brembo e un motore 2.0 Duratec 4 cilindri che era già presente nella gamma, ma che venne modificando sviluppando 215 cavalli e una coppia di 310 Nm, con un cambio manuale a 5 marce.

La Focus RS fu quindi una vettura che non avrebbe affatto sfigurato fra le mitiche “cattive” degli anni '90 come ad esempio la Saxo VTS, la 106 Rallye e la Clio Williams, le più sportive di 30 anni fa.