Ford, BMW, Daimler, Volkswagen e Porsche insieme per la ricarica rapida

di

Ford Motor Company, BMW, Gruppo Daimler e Gruppo Volkswagen, con Audi e Porsche, hanno dato vita a IONITY, joint venture nata per l’implementazione di una rete di punti di ricarica rapida (High-Power-Charging), per le auto con alimentazione elettrica, al fine di assicurare la copertura di grandi distanze sulle strade europee.

Attraverso IONITY si prevede la realizzazione di oltre 400 stazioni di ricarica rapida, distribuiti sul territorio europeo entro il 2020, un passo importante verso la diffusione sul mercato europeo delle auto elettriche.

La nuova società IONITY, con sede a Monaco di Baviera, in Germania, è già operativa. Guidata da Michael Hajesch (CEO) e Marcus Groll (COO), è formata da un team che conterà 50 dipendenti all’inizio del 2018, destinato a crescere.

Per la diffusione dei veicoli a propulsione elettrica tra i consumatori, è fondamentale l’esistenza di una infrastruttura affidabile di ricarica rapida. La fondazione di IONITY è la dimostrazione di come i produttori di automobili stiano unendo le loro forze in tale direzione. Con la creazione della prima rete paneuropea HPC, renderemo i veicoli elettrici adatti anche alle lunghe percorrenze. Desideriamo concentrarci, in particolare, sulle esigenze del singolo cliente, affinchè possa godere di un servizio rapido e comodo”, ha dichiarato Michael Hajesch”.

IONITY inizierà il processo di implementazione della rete con un primo step che prevede la messa in opera di 400 stazioni di ricarica sul territorio europeo, entro il 2020. L'installazione delle prime 20 stazioni avrà inizio nel 2017. Queste saranno ubicate lungo autostrade e le grandi arterie di Germania, Norvegia e Austria. Saranno aperte al pubblico e si troveranno a una distanza di circa 120 km l’una dall’altra.

A tal fine, IONITY sta collaborando con importanti partner commerciali come Tank & Rast, Circle K e OMV, per poter trarre vantaggio dai loro posizionamenti strategici sul territorio. La rete si espanderà nel 2018, superando le 100 stazioni. Ciascuna delle stazioni offrirà più postazioni di rifornimento con diverse modalità di ricarica, con l’obiettivo di consentire ai consumatori di accedere a migliaia di stazioni HPC brand indipendent entro il 2020. La rete si baserà sullo standard tecnologico di ricarica europeo esistente, il Combined Charging System (CCS). La rete di ricarica ultra-rapida, ad alta potenza, raggiungerà i 350 kW, è quindi molto più veloce rispetto alle tecnologie di ricarica disponibili al momento. La rete sarà in grado di rifornire tutti i veicoli elettrici con impostazioni di ricarica CCS, in modo da consentire un più rapido sviluppo del mercato delle auto elettriche in Europa.

L’identificazione strategica delle aree in cui posizionare le stazioni di ricarica è una delle priorità fondamentali per IONITY. La joint venture sta, inoltre, considerando modalità di connessione innovative con le tecnologie di ricarica esistenti. IONITY sta, infatti, portando avanti negoziati con le iniziative esistenti in materia di infrastrutture che vengono sostenute, tra le altre, dalle società fondatrici e dalle istituzioni politiche.

Investendo nello sviluppo della rete, i produttori di automobili coinvolti stanno sottolineando il loro impegno nei confronti della diffusione di veicoli elettrici. L’alleanza si baserà sulla cooperazione internazionale di tutto il settore automotive e importanti accordi di partnership. I soci fondatori, BMW Group, Daimler, Ford Motor Company e Volkswagen Group, saranno partner alla pari nella joint venture, mentre le altre case automobilistiche saranno incoraggiate a partecipare alla rete di ricarica, per contribuire a creare soluzioni di ricarica convenienti per i clienti di veicoli elettrici.

Quanto è interessante?
2