Fikser annuncia la sua papamobile elettrica, e Papa Francesco ne è felice

Fikser annuncia la sua papamobile elettrica, e Papa Francesco ne è felice
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Fisker, casa automobilistica statunitense specializzata nella produzione di veicoli elettrici, è appena tornata sotto la luce dei riflettori grazie ad un annuncio piuttosto inaspettato: il brand ha intenzione di sviluppare una papamobile completamente elettrica basandosi sull'imminente Ocean.

Il brand di Anaheim lo ha rivelato soltanto poche ore fa, ma le trattative con Papa Francesco si sono già concluse con una fumata bianca. Le prime dichiarazioni ufficiali parlano della prima autovettura omologata che sia mai stata messa a disposizione di un vicario di Cristo, nonché della produzione in serie a partire dal prossimo anno, proprio quando la Ocean (ecco i primi dettagli sulla EV) arriverà sulle linee produttive.

Alcuni rappresentanti del marchio hanno avuto modo di discutere di persona col Papa in occasione di un'udienza privata tenutasi nel corso della giornata di ieri, e vanno ad aggiungere un altro anello alla direzione recentemente intrapresa dallo Stato Pontificio: quella che lo porterà ad essere completamente indipendente dai combustibili fossili nel minor tempo possibile.

E' dello scorso dicembre infatti la notizia che riportava l'impegno di Papa Francesco per il contrasto al cambiamento climatico. Alla fine dello scorso anno dichiarò di voler sostituire per intero la flotta di veicoli dotati di motore a combustione interna con modelli ad emissioni zero, e adesso stiamo cominciando a vedere i primi frutti di tale decisione.

Per avviarci a chiudere restando in tema di elettrificazione vogliamo menzionare altri importantissimi annunci dello stesso tipo. Tre giorni fa è stata Lamborghini ad ufficializzare l'accantonamento del motore termico in favore di quello elettrico, mentre Honda aveva palesato la stessa volontà meno di quattro settimane prima.

FONTE: autoblog
Quanto è interessante?
2
Fikser annuncia la sua papamobile elettrica, e Papa Francesco ne è felice