Quanto si fidano gli italiani dei venditori di auto usate? I dati in una ricerca

Quanto si fidano gli italiani dei venditori di auto usate? I dati in una ricerca
di

Certificato il calo delle immatricolazioni di nuove auto in Italia, a causa della recessione ed inflazione, è molto interessante un’analisi effettuata dagli esperti di carVertical in diciassette paesi, in merito all’acquisto di automobili usate.

Lo studio ha coinvolto 4500 persone a cui è stato chiesto se si fidano dei venditori di vetture usate, se ritengono sicuro acquistare un veicolo non nuovo e se si aspettano che i venditori mantengono le promesse.

E’ emerso che gli acquirenti di Europa Centrale ed Occidentale hanno manifestato maggiore fiducia nei confronti dei venditori, rispetto a quelli dell’Europa Orientale dove evidentemente le truffe sono più comuni.

In cima alla lista dei paesi che si fidano di più dei venditori troviamo il Regno Unito con un punteggio di 122,2, seguito da Finlandia (120,4), la Slovenia (109,7), la Germania (109,4), la Slovacchia (107,5) e la Repubblica Ceca (106,4). Analizzando nel dettaglio il dato emerso dal Regno Unito, gli analisti hanno spiegato che il 14,5% delle auto usate ha presentato chilometraggio manomesso.

Discorso diverso per l’Europa Orientale, dove i punteggi sono più bassi a dimostrazione di una fiducia inferiore: l’Italia è a 93,7 punti, dietro a Francia (102), Serbia (100,2), Lettonia (94,5), Polonia (94,2) ma davanti a Croazia (93,3) e Romania (92,8). Questi comunque rientrano in quelle nazioni in cui la fiducia è media.

Più bassa in vece in Estonia (88), Lituania (81,6), Ungheria (80,5) e Bulgaria (79,5), mercati in cui purtroppo le truffe automobilistiche sono storiche e molti veicoli presentano chilometraggi alterati o hanno subito gravi incidenti.

Quanto è interessante?
1
Quanto si fidano gli italiani dei venditori di auto usate? I dati in una ricerca