La Fiat Topolino spopola: esauriti i fondi del governo per i quadricicli elettrici

La Fiat Topolino spopola: esauriti i fondi del governo per i quadricicli elettrici
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Giungono buone notizie per quanto riguarda la vendita dei quadricicli elettrici: i fondi messi a disposizione del governo sono andati tutti esauriti, ciò significa che gli italiani stanno acquistando queste simpatiche mini vetture green.

A tirare le fila, anche se non vi è ovviamente certezza, è la Fiat Topolino, ordinabile dallo scorso 19 settembre al prezzo di 39 euro al mese o eventualmente 7.544 euro. Il piccolo quadriciclo elettrico torinese ha fatto breccia fin da subito nel cuore degli appassionati, e dopo aver ricevuto più di 10mila pre-ordinazioni dopo la presentazione di luglio, è stato ordinato in massa appunto da una decina di giorni a questa parte.

A conferma anche il fatto che il sito della Fiat Topolino sia andato in crash subito dopo l'apertura degli ordini, e ciò ha fatto venire il sospetto che gli automobilisti stessero appunto assaltando in massa il portale Fiat per assicurarsi la simpatica riedizione 2023 della mitica Topolino.

A contribuire all'esaurimento dei fondi governativi anche altri modelli, a cominciare dalla Citroen AMI, la gemella della Topolino e altra mini vettura elettrica molto diffusa.

Spulciando il sito del MISE, il ministero delle imprese e del Made in Italy, i quadricicli sono indicati con la categoria L, sia elettrici che non. Ebbene, il semaforo mostrato è rosso per gli elettrici, il che significa che sono rimasti a disposizione meno di 100 euro, precisamente 98. E lo stesso colore è apposto per i quadricicli non elettrici, dove i fondi sono esauriti totalmente, visto che rimangono zero euro.

L'esecutivo aveva messo a disposizione a inizio anno 35 milioni di euro per gli L green, più altri 5 per quelli non green e in queste due categorie rientrano anche gli scooter, i cinquantini (anche a tre ruote).

In vista del 2024 il governo sta pensando a dei nuovi incentivi che possano favorire ancora di più la diffusione delle auto elettriche e nel contempo, indurre gli automobilisti in possesso di auto molto datate, e quindi inquinanti, a sostituirle con delle automobili recenti.