di

Gli Stati Uniti vedono continuamente arresti e inseguimenti per scellerati che esagerano alla guida dei loro veicoli: dopo il caso dell’Aventador che ha superato il limite per ben tre volte, gli occhi si spostano in Florida per un episodio estremamente bizzarro che riguarda il presidente della Commissione della contea di Flagler, Joe Mullins.

Quest’ultimo è stato fermato dalla Florida Highway Patrol in data 19 giugno in quanto circolava sull'Interstate 95 a 148 km/h in un tratto con limite di 113 km/h con la sua Ferrari 458 Spider. Lo stesso poliziotto, dopo averlo fermato a bordo strada, gli ha detto che molto probabilmente non lo avrebbe multato e si sarebbe limitato a una segnalazione, alla luce di un precedente eccesso di velocità da parte dello stesso Mullins.

La situazione è degenerata rapidamente quando quest’ultimo ha cercato di estrarre la tessera di commissario per mostrarla al poliziotto, con l’intento di scampare alla multa per eccesso di velocità. Mullins ha poi continuato a essere “bellicoso, illogico e irrispettoso” nei confronti delle autorità lì presenti, peraltro operative nella contea di Seminole e non in quella di Flagler.

Nonostante i buoni intenti della Florida Highway Patrol, dunque, Mullins si lasciato andare a commenti inappropriati e minacce di “fine carriera” per il poliziotto in caso di arresto. L’esito è stato uno soltanto: una multa di 256 Dollari e un corso di quattro ore come “penitenza” per evitare di perdere punti sulla patente.

À propos del Cavallino Rampante, eccovi la nuova hypercar Ferrari per Le Mans a Fiorano.

Quanto è interessante?
4