Ferrari come nei videogiochi? Brevetto per controllare la supercar con due joystick

Ferrari come nei videogiochi? Brevetto per controllare la supercar con due joystick
INFORMAZIONI SCHEDA
di

E se in futuro le Ferrari si potranno guidare con due joystick? No, non abbiamo le trabecole, ma ci rifacciamo semplicemente ad un curioso brevetto depositato dall'azienda di Maranello negli Stati Uniti.

Come scovato dai colleghi di MotorAuthority, il sistema è stato pubblicato precisamente dall'Ufficio Brevetti e Marchi degli Stati Uniti (USPTO) il 16 novembre scorso e depositato l'8 maggio, un brevetto riguardante un modo innovativo per controllare l'auto tramite due joystick.

A vedere le immagini che trovate su questa pagina si tratta di due joystick pressoché identici a quelli che vengono usati dai pc gamer ad esempio per i simulatori di aerei. Verrebbero posizionati ad entrambi i lati del conducente e consentirebbero al guidatore di controllare la direzione in cui l'auto gira nonché l'angolo di imbardata.

Nel contempo, attraverso i joystick si potrà controllare anche accelerazione e frenata della vettura, in alternativa ai pedali tradizionali comunque montati sulle auto. Dopo la genialata del brevetto sonoro per l'auto elettrica, Ferrari presenta quindi un'altra innovazione che potrebbe letteralmente stravolgere il modo di guidare così come l'abbiamo conosciuto fino ad oggi.

Per correttezza di informazione va detto che già in passato c'è stato un tentativo di guidare un'auto con un joystick, e ci provò Saab, ma il sistema risultò essere difficile da usare e alla fine l'ipotesi venne accantonata.

Più di recente vanno segnalati altri tentativi più o meno simili, come ad esempio le tanto chiacchierate frecce al volante della nuova Tesla Model 3, modalità adottata anche da altri produttori che hanno cercato di concentrare quanti più pulsanti sul volante invece che nelle tradizionali leve.

Bisognerà quindi capire quali siano le intenzioni di Ferrari, e non è da escludere che i joystick possano essere solo un aiuto alla guida, magari per meglio controllare la supercar in caso di drift: staremo a vedere nei prossimi mesi se emergeranno ulteriori dettagli.