di

Quando si pensava che la Ferrari 812 Superfast fosse già incredibilmente desiderabile, la casa automobilistica di Maranello presentò, nel corso del 2019, l'ancora più intrigante 812 GTS: una variante scoperta della rapidissima supercar a motore anteriore che rappresenta per molti il modello più bello del Cavallino Rampante.

Proprio come la 812 col tettuccio fisso, la 812 GTS si muove grazie ad un poderoso V12 aspirato da 6,5 litri, erogante 800 cavalli di potenza a 8.500 giri al minuto e 718 Nm di coppia a 7.000 giri. Com'è ovvio che sia, la 812 GTS pesa qualche chilo in più rispetto alla sorella ma Ferrari, per assicurarsi la medesima rapidità in accelerazione, ha accorciato i rapporti di trasmissione.

Attraverso il video in alto Doug DeMuro ha voluto analizzare il modello provandolo a lungo in strada e sottolineando ogni possibile dettaglio della 812 GTS. Tra gli elementi più minimali e intriganti emerge la presenza dei due flap a forma di L implementati agli angoli dei parabrezza. Essi sono utili a gestire alla perfezione le turbolenze aerodinamiche tenendo basso il rumore ad alta velocità.

Il prezzo italiano per una macchina tanto esclusiva si aggira sui 334.000 euro di partenza, ma l'esemplare statunitense fra le mani di Doug DeMuro ha richiesto ben 518.766 dollari con gli optional che hanno pesato per 130.000 dollari. Tra questi c'è un radar anteriore con cruise control attivo (4.843 dollari), un radar posteriore (2.767 dollari), le pinze frenanti in alluminio (1.519 dollari) e una serie di parti in fibra di carbonio, tra le quali le maniglie interne delle portiere (4.219 dollari) e i pannelli laterali dell'abitacolo (7.593 dollari). Si tratta di una cifra sicuramente molto elevata, ma se paragonata a quella necessaria a portarsi a casa bolidi dalle caratteristiche e dalla potenza simile, forse la 812 GTS riesce a garantire un prezzo piuttosto convincente.

Nel frattempo la casa automobilistica italiana pare abbia intenzione di lanciare sul mercato un'altra variante di 812. Secondo gli osservatori, i prototipi immortalati in strada potrebbero lasciar presagire il debutto sul mercato di una cattivissima 812 GTO. Comunque stiano le cose, il V12 avrà vita breve, per cui gli appassionati del dodici cilindri a V farebbero meglio a goderselo finché possono.

FONTE: carscoops
Quanto è interessante?
1