FCA ritira la proposta di fusione con Renault: i titoli crollano in borsa

FCA ritira la proposta di fusione con Renault: i titoli crollano in borsa
di

Come vi abbiamo raccontato ieri 6 giugno, il governo francese si è "intromesso" nella trattativa fra il Gruppo FCA e Renault, per bocca del ministro dell'economia Bruno Le Maire. Questa mattina il disastro: Fiat-Chrysler ha ritirato la proposta di fusione.

Le tensioni sembravano effettivamente molte, nelle ultime ore, con i francesi che avevano messo un po' di paletti considerati probabilmente "eccessivi" da John Elkann e soci. Il governo transalpino spingeva infatti per avere una sede fisica in Francia, chiedendo inoltre rassicurazioni in merito ai posti di lavoro in patria. Anche dal Giappone c'erano non pochi attriti, con Nissan "preoccupata" per la sua alleanza storica proprio con Renault, con il Presidente e CEO che aveva già annunciato di dover rivedere tutti i termini, con l'entrata di FCA.

FCA che avrebbe comunque avuto un ruolo dominante nel nuovo Cda, altro aspetto che non andava giù a diversi azionisti Renault. Probabilmente la situazione era diventata troppo pesante, proprio John Elkann ha così "ritirato con effetto immediato la proposta di fusione avanzata a Groupe Renault". Il titolo della compagnia italo-americana ha così perso il 3,32% in apertura a Piazza Affari, Renault addirittura ha iniziato a -8%, con Nissan a -1,3%, insomma una giornata a dir poco nera.

FONTE: ANSA
Quanto è interessante?
3