di

La pandemia di coronavirus ha portato alla chiusura estensiva di quasitutte le sale cinematografiche mondiali, per cui dovremo attendere ancora un po' prima di poter vedere Fast and Furious 9. Nel frattempo però possiamo discutere di alcune recenti ed interessanti informazioni sulla prima pellicola della saga, quella del 2001.

E' chiaro che se il film originale non ci avesse lasciato personaggi accattivanti e macchine leggendarie non ne staremmo parlando. Come dimenticare la mitica Supra di Brian O'Conner, la Dodge Charger di Dominic Toretto, la S2000 e tutte le altre. Stavolta però vogliamo soffermarci sui modelli che invece non ce l'hanno fatta.

L'ultimo video del canale YouTube di Craig Lieberman si concentra proprio su quest'aspetto. Lieberman è stato technical advisor per Universal Pictures durante la produzione dei primi tre Fast & Furious, e dobbiamo quindi a lui tanti elementi di spicco del franchise.

Nella clip di 13 minuti specifica i modelli scartati e quelli invece selezionati in base ai motivi più disparati. Nella scena di apertura ad esempio sarebbe dovuta apparire una Mitsubishi 3000GT, ma alla fine il team è andato sulla Mitsubishi Eclipse. Molto interessante poi il fatto che nella sceneggiatura originale, Vince avrebbe dovuto guidare una Honda Civic, ma l'interprete Matt Schulze era troppo alto per sentirsi a proprio agio all'interno dell'abitacolo della hatchback giapponese, pertanto la scelta è ricaduta sulla Maxima.

In linea generale le menti dietro Fast & Furious volevano che i personaggi combaciassero alla perfezione coi modelli, e che l'iconicità della saga riguardasse anche la correlazione strettissima fra i protagonisti e le loro controparti meccaniche. Inizialmente però il budget era davvero ristretto, trattandosi di una proprietà intellettuale tutta nuova, ma questo calzava alla perfezione con il panorama del tuning statunitense dell'epoca. Nel caso in cui voleste approfondire, non dovete far altro che visionare integralmente il video in alto.

Continuando a bazzicare il dietro le quinte vogliamo rimandarvi ad un'informazione che potrebbe sorprendere qualche appassionato: il turbocompressore sulla Dodge Charger di Dominic Toretto era finto! In ultimo non possiamo non menzionare la più grande collezione di auto replica ispirata alla saga: ce ne sono tantissime.

FONTE: motor1
Quanto è interessante?
1