F1, Hamilton bullizzato da bambino: i retroscena della sua infanzia in un'intervista

F1, Hamilton bullizzato da bambino: i retroscena della sua infanzia in un'intervista
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Oggi la Formula 1 è uno degli sport più seguiti al mondo, una competizione di portata internazionale che sta crescendo di anno in anno grazie alle novità introdotte e alle proposte televisive come la serie Netflix. La crescita, tuttavia, è merito anche di piloti come Lewis Hamilton e Sebastian Vettel per le loro battaglie fuori dalla pista.

Da qualche settimana si vocifera di un rinnovo tra Mercedes e Lewis Hamilton, una proposta che potrebbe allontanare le sirene delle Frecce d'Argento da Charles Leclerc, ancora in forza in Ferrari almeno sino al 2024. Ad ogni modo, recentemente il sette volte campione del mondo ha partecipato ad un'intervista per il podcast di Jay Shetty in merito alla sua infanzia, in particolar modo sui casi di bullismo e discriminazione a scuola:

"La scuola è stata probabilmente la parte più traumatizzante e complicata della mia vita. Venivo bullizzato già a sei anni e mi pare che all'epoca io fossi probabilmente uno dei tre bambini di colore di quella scuola. Per la maggior parte del tempo venivo preso in giro dai ragazzi più grandi e più forti. C'erano continui pugni e poi ti venivano lanciate addosso cose, come le banane, e le persone utilizzavano la parola con la 'n' in modo così noncurante. La gente ti chiamava 'meticcio' e tu non sapevi davvero come adattarti. Per me quello è stato difficile."

Un'esperienza difficile quella di Hamilton che, a dispetto di coloro che lo ammonivano che non sarebbe diventato 'nessuno' in futuro, vanta oggi di ben 7 titoli come Campione del Mondo di Formula 1 .

Quanto è interessante?
2